CHESANI SUPERA 2.31 – 13″00 di MARZIA CARAVELLI AL TERRA SARDA

Silvano Chesani
festeggia il  record italiano
indoor a Ancona
(Fonte Colombo/Fidal)
A pochi giorni dal Golden Gala Pietro Mennea di Roma in programma il 6 Giugno entra davvero nel vivo la stagione dell’atletica italiana che in ogni angolo di Italia e d’Europa sta raccogliendo i primi risultati importanti della lunga stagione che porterà ai Mondiali di Mosca in programma dal 10 al 18 Agosto.
di Diego Sampaolo

L’acuto più importante è arrivato dal saltatore in alto trentino Silvano Chesani che sulla pedana di Modena dove ormai si allena sotto la guida di Giuliano Corradi vola a 2.31, nuovo record personale all’aperto e terza migliore prestazione italiana di tutti i tempi all’aperto. Il poliziotto delle Fiamme Oro Padova ha realizzato l’ottava migliore prestazione mondiale dell’anno nella graduatoria del 2013 aggiornata che tiene conto del favoloso 2.40 di Barshim del Qatar e del 2.36 saltato da Erick Kynard e Derrick Drouin ieri sera al Prefontaine Classic di Eugene.
Chesani aveva esordito in questa stagione con 2.24 ai Campionati Italiani Universitari di Cassino.
Per Chesani si tratta del terzo risultato oltre i 2.30 dopo il record italiano indoor stabilito ai Campionati Italiani Indoor di Ancona dello scorso Febbraio e il 2.31 dei Campionati Italiani Indoor 2012 sempre nel capoluogo marchigiano.
Al Terra Sarda di Cagliari si è messa in luce la primatista italiana dei 100 ostacoli Marzia Caravelli che ha firmato la migliore prestazione italiana dell’anno con 13”00 facendo meglio per due centesimi rispetto al 13”02 di Micol Cattaneo. Sulla pista cagliaritana la pordenonese si è messa alle spalle due avversarie molto qualificate come la campionessa NCAA del 2011 Nia Ali (13”11) e la medaglia di bronzo olimpica del salto in lungo Janay De Loach Soukup (13”25). La prestazione della Caravelli acquista ancora più valore se si considera che la gara si è svolta in condizioni climatiche difficili con una temperatura di 16° gradi e un vento trasversale molto fastidioso. Marzia ha corso anche i 200 in 23”61 finendo seconda alle spalle di Tiffany Townsend che ha fatto doppietta vincendo i 200 in 23”24 e i 100 metri in 11”28 battendo di tre centesimi di secondo Ivet Lalova. Tra gli altri risultati più significativi del meeting sardo segnaliamo anche il 20.69 del vice campione mondiale del peso Dylan Armstrong che ha battuto il forte bulgaro Georgi Ivanov (20.24). Raklem Salaam si è imposto sui 100 metri in 10”23 precedendo di 17 centesimi la coppia azzurra formata da Simone Collio e Fabio Cerutti, entrambi cronometrati in 10”40.
Al meeting di Ginevra il migliore risultato del quale abbiamo già parlato a proposito del 13”02 di Micol Cattaneo sui 100 ostacoli e del 13”62 di Emanuele Abate sui 110 ostacoli é arrivato dal velocista britannico di origini nigeriane James Dasaooulu che ha fermato il cronometro in 10”14 precedendo Dwain Chambers (10”31).
Sulla pista del Raul Guidobaldi di Rieti Davide Manenti ha frantumato il record personale sui 200 metri correndo in 20”60, prestazionae con la quale ha mancato di tre centesimi l’ingresso nella top ten italiana di tutti i tempi. Per Manenti si tratta della terza migliore prestazione europea dell’anno dopo il 20”35 di Christophe Lemaitre e il 20”59 di Churandy Martina. Manenti aveva un personale di 20”76 stabilito lo scorso anno.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Sara Dossena contro tutti alla “stra”. L’Eden della corsa è a Livigno
Napoli running vuole te: Diventa volontario (e porta un amico)
Mondiali 100km, il ct Paolo Germanetto: “Niente donne e solo 5 uomini perchè…”
Abbigliamento Accessori Calzature
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
MIZUNO PRESENTA LA NUOVA COLEZIONE TRAIL RUNNING.
Con le Glycerin 16 Brooks presenta la nuova tecnologia DNA LOFT, per un esperienza di corsa più morbida.
#pastaparty
Cagliari Urban Trail, emozionante da vedere e da vivere
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile
Il 18 dicembre Pisa Marathon compie 20 anni