IAAF WORLD CHALLENGE: CHICHEROVA VOLA A 2.02 A PECHINO


Il Bird’s Nest è tornato ad ospitare un grande meeting di atletica in occasione della tappa cinese dello IAAF World Challenge a cinque anni di distanza dalle indimenticabili Olimpiadi di Pechino.
di Diego Sampaolo







Il meeting cinese è stato nobilitato da due migliori prestazioni mondiali di Anna Chicherova, che ha vinto il salto in alto con 2.02, e di David Oliver che ha dominato i 110 ostacoli fermando il cronometro in 13”16.
La campionessa olimpica e mondiale Anna Chicherova é diventata la prima donna a superare il muro dei 2 metri in questa stagione all’aperto volando a 2.02 prima di tentare senza successo tre prove a 2.04. La croata Ana Simic, erede di Blanka Vlasic, ha migliorato il suo record personale di tre centimetri portandosi a 1.95. Nadezhda Dusanova, Marina Aitova e Zheng Xingjuan si classificano terza, quarta e quinta con 1.92.

David Oliver ha dominato la gara dei 110 ostacoli dall’inizio alla fine firmando il miglior tempo mondiale dell’anno con 13”16, un centesimo di secondo meglio rispetto al 13”17 realizzato dal giovane cubano Orlando Ortega a Baie Mahault. Il giamaicano Dwight Thomas, compagno di allenamenti di Oliver, si è classificato al secondo posto in 13”44 precedendo il campione del mondo Jason Richardson.

Justin Gatlin ha vinto i 100 metri in 9”91 realizzando la seconda migliore prestazione mondiale dell’anno alle spalle del 9”86 ottenuto da Tyson Gay a Kingston. Sotto i 10 secondi è sceso anche Mike Rodgers che ha fermato il cronometro in 9”96. Il cinese Su Bingtian, che deteneva il record nazionale con 10”16 prima del clamoroso 10”04 di Su Bingtian ad inizio stagione, si è avvicinato al primato cinese con 10”06 precedendo di due centesimi di secondo lo statunitense Calesio Newman.

C’era molta attesa in Cina per il salto in lungo dove ésceso in pedana Li Jinzhe, fresco di vittoria a Shanghai nella Diamond League dove ha saltato 8.34, migliore prestazione mondiale dell’anno. Li non ha deluso le attese superando ancora gli 8.30 con un salto da 8.31 ma ha subito un infortunio ad un braccio. Il ghanese Ignisious Gaisah, ex campione del mondo indoor, si è classificato al secondo posto con 8.13 precedendo la medaglia di bronzo iridato di Daegu Ngonizashe Makusha (8.01). Il sedicenne Wang Wianan ha stabilito la migliore prestazione mondiale allievi dell’anno con 7.92.

Il pubblico cinese ha potuto festeggiare un altro grande risultato di un atleta locale. Si tratta del saltatore in alto cinese Wang Yu che ha superato la misura di 2.33 m battendo il russo Aleksander Shustov che ha valicato l’asticella alla misura di 2.31.

Allyson Felix ha dominato le avversarie nel suo primo 200 metri della stagione dove ha rifilato quasi mezzo secondo vincendo in 22”36. Nei 100 metri la nigeriana Blessing Okagbare ha battuto nettamente la statunitense Mikele Barber correndo in 11”04 nello stadio dove cinque anni fa vinse la medaglia di bronzo alle Olimpiadi del 2008 nel salto in lungo. L’ex campione olimpico dei 400 Lashawn Merritt ha dimostrato di essere competitivo anche sui 200 vincendo in 20”40

In uno stadio che ha ospitato le Olimpiadi nel 2008 non era facile battere il record dell’impianto ma l’impresa è riuscita al giovane Hillary Yego che ha fermato il cronometro in 8’09”17 precedendo di oltre sei secondi Brimin Kipruto, che si laureò campione olimpico in questo stadio nel 2008. Grande sorpresa nel giavellotto femminile dove la campionessa mondiale Mariya Abakumova non è andata un miglior tentativo da 60.26 è stata battuta da Sinta Ozolina Kovale che ha realizzato un miglior lancio di 60.90. La campionessa olimpica e mondiale del martello Tatyana Lysenko ha conquistato una sofferta vittoria per appena dodici centimetri con un miglior lancio di 73.12.

Al russo Dmitry Tarabin è bastato un lancio di 81.18 per battere il campione europeo Vitezlav Vezely che non è andato oltre un lancio di 80.81

Eunice Sum si è imposta nei 1500 in 4’04’49 davanti a Mary Kuria (4’05”17). Vittoria di misura per appena tre centesimi di secondo dell’ex campione del mondo Alfred Kirwa Yego sugli 800 in 1’46”43 sul giovane Edward Melly in 1’46”43. 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Il 17 dicembre corri con Timing Data Service
E’ tutto pronto per l’11° Allenamento di Natale
Road to Reggio Emilia: i top runner al via della maratona
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre