KRAUCHANKA TORNA ALLA GRANDE AL MULTISTARS DI FIRENZE

Krauchanka supera 2.07 nell’alto
(Foto organizzatori)
Il bielorusso Andrei Krauchanka, medaglia d’argento olimpica a Pechino, é tornato dopo due anni di assenza dopo un grave infortunio al tendine d’Achille con una splendida vittoria al Multistars Trofeo Zerneri Acciai allo Stadio Luigi Ridolfi di Firenze. Le gare si sono svolte in un clima molto festoso con tante gare giovanili che hanno fatto da contorno alla ventiseiesima edizione del meeting che quest’anno si é trasferito da Desenzano del Garda. 
di Diego Sampaolo

Krauchanka, che proprio in Toscana vinse il suo primo titolo importante della sua carriera in occasione dei Mondiali Juniores a Grosseto, ha conquistato il successo con 8390 punti, migliore prestazione mondiale dell’anno e record del meeting detenuto dal 2000 dal ceco Rybra (8339 punti). Il fortissimo decatleta bielorusso ha realizzato le seguenti prestazioni nelle seguenti specialità: 11”16 nei 100, 7.39 nel lungo, 14.76 nel peso, 2.07 nel salto in alto, 49”27 nei 400, 14”11 nei 110 ostacoli, 46.04 nel disco, 5.05 nel salto con l’asta, 60.59 nel giavellotto, 4’30”11 nei 1500 metri. Eccellente prestazione anche per il giovane britannico Ashley Bryant con 7985 punti (con un eccellente record del Multistars di 70.44 nel lancio del giavellotto). Terzo posto per il polacco Pawel Wisiolek con 7727 punti (eccellente soprattutto la vittoria nel salto in alto con 2.10).
Ottima prestazione per il campione italiano dell’eptathlon indoor Michele Calvi che ha polverizzato di oltre 200 punti il suo precedente primato con 7500 punti. Calvi ha realizzato 10”87 nei 100, 6.91 nel lungo, 14.60 nel peso, 1.83 nell’alto, 49”82 nei 400 metri (personale), 14”32 nei 110ostacoli, 39.88 nel disco, 4.25 nell’asta, 58.85 nel giavellotto (personale), 4’57”84 nei 1500 metri.
La ventenne olandese Anouk Vetter si è imposta nell’eptathlon femminile polverizzando il suo record personale con 5872 punti (14”12 nei 100 ostacoli, 1.75 nell’alto, 13.86 nel peso, 24.95 nei 200 metri, 5.55 nel salto in lungo, 53.10 (davvero eccellente il nuovo personale nel giavellotto), 2’30”69 negli 800 metri. La britannica Jo Rowland si è classificata seconda con 5638 punti davanti all’altra oranje olandese Nadine Visser (5577 punti). Elisa Trevisan è stata la prima delle italiane in tredicesima posizione con 5171 punti.
Il meeting si è concluso con tante belle di contorno sia a livello assoluto che giovanile. L’acuto più importante è arrivato dalla neo italiana Yarisleidis Pedroso che ha polverizzato la migliore prestazione italiana dei 300 ostacoli con 39”09, che ha cancellato il fresco primato della distanza non olimpica recentemente battuto da Marzia Caravelli che ha corso in 39”56 a Roma il 25 Aprile scorso.
La medaglia d’argento olimpica e europea Nicola Vizzoni ha superato la fettuccia dei 74 metri con 74.87 davanti al suo pubblico. La staffetta 4×100 con Simone Collio, Jaques Riparelli, Davide Manenti e Fabio Cerutti ha effettuato il primo test agonistico sulla strada dei Mondiali di Mosca vincendo in 39”02 precedendo altri due quartetti azzurri, quello formato da Delmas Obou, Francesco Basciani, Marco Valentini e Giovanni Galbieri), secondo in 40”08 e quello composto da Antonio Moretti, Ciro Riccardi, Mattia Recchiuto e Diego Marani, terzo in 41”47. Irene Siragusa, Gloria Hooper, Martina Amidei e Ilenia Draisci ha fermato il cronometro in 44”24 nella 4×100 femminile.    

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
EKIRUN 2017 PER IL TERZO ANNO IL SOL LEVANTE ILLUMINA MILANO
TUTTE LE GARE FIRMATE TDS DI DOMENICA 19 NOVEMBRE
PISAMARATHON: A 40 GIORNI, SUPERATA QUOTA 2000 ISCRITTI
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli