TEXAS RELAYS: PATTON CORRE IN 9″75 VENTOSISSIMO

Il trentacinquenne Darvis Patton ha stabilito la sesta migliore prestazione di sempre in ogni condizione di vento correndo in 9”75 con l’aiuto di consistente di Eolo che spirava a +4.3 m/s in occasione delle Texas Relays di Austin, tradizionale meeting di inizio stagione sul suolo statunitense. Nella storia solo Usain Bolt, Yohan Blake, Tyson Gay, Asafa Powell e Obadele Thompson hanno corso più velocemente in ogni condizione di vento.
di Diego Sampaolo

Patton sta conoscendo una seconda giovinezza a 35 anni. Già nella stagione indoor aveva stabilito il record del mondo master 35 sui 60 metri in occasione dei Millrose Games di New York. Altri tre uomini sono scesi sotto i  10 secondi pur con un vento molto consistente: Wallace Spearmon (9”92), Mike Rodgers (9”93) e la medaglia d’argento dei mondiali juniores Carles Silmon (9”94).

Patton ha guidato la staffetta 4×100 del Team Stratton Sprint (che comprendeva anche Wallace Spearmon, Maurice Mitchell e Jared Connaughton) alla vittoria in 38”36, migliore prestazione mondiale dell’anno. Wallace Spearmon ha corso la sua frazione della staffetta 4×400 in 44”72 nel quartetto del team Green and Gold Elite secondo classificato alle spalle del San Antonio Elite (3’01”93).  

La prestazione di Patton non é stata l’unica prestazione di grido dello sprint. Il campione NCAA  Ameer Webb, che ai Campionati Universitari ha corso in 20”37 sui 200 metri, ha stabilito il miglior tempo stagionale con 10”14 sui 100 metri. Brilla anche il diciottenne Cameron Burrell (figlio dell’ex primatista mondiale Leroy Burrell) che ha fermato il cronometro in 10”07 con vento a favore di +3.2 m/s.

E’ tornata a buoni livelli l’ex campionessa mondiale dei 100 metri di Helsinki 2005 Lawryn Williams che, sospinta da un vento di poco superiore alla norma (+2.3 m/s) ha realizzato 11”02. La campionessa NCAA dei 200 metri indoor e outdoor Kimberlyn Duncan si è imposta nella gara universitaria in 11”06 con vento oltre la norma di +2.8m/s.

Spettacolare debutto all’aperto della campionessa NCAA dei 100 ostacoli Brianna Rollins, che, dopo un brillantissimo inverno nobilitato dal titolo NCAA sui 60 ostacoli in 7”79 (ad un centesimo di secondo dal primato personale stabilito sempre in questa stagione a metà Gennaio), ha fermato il cronometro in un fantastico 12”54. Purtroppo il tempo non verrà omologato a causa di un vento leggermente oltre la norma di +2.1 m/s. Ottima anche Vashti Thomas che si è classificata al secondo posto in 12”70 ventoso dopo che in batteria aveva fermato il cronometro in 12”94, miglior crono mondiale dell’anno.

L’altro grande protagonista delle Texas Relays é stato il ventenne Sam Kendricks che ha migliorato addirittura di 21 centimetri il suo record personale nel salto con l’asta con 5.81 in una delle migliori gare di sempre nella storia dell’atletica universitaria statunitense. Il canadese Shawn Barber, medaglia di bronzo ai Mondiali Juniores, ha migliorato il suo primato personale di dieci centimetri con 5.71.

Il salto in alto ha fatto registrare la ripetizione dell’ordine d’arrivo degli ultimi campionati NCAA con il bronzo olimpico e campione universitario Derek Drouin vincitore con 2.30 davanti  a Marcus Johnson (2.27) e all’argento olimpico Erick Kynard (2.27).

Notevole miglioramento del giovane discobolo Julian Wruck che ha portato il suo primato dell’Oceania under 23 a 66.01 dopo che nei primi due tentativi aveva realizzato 64.59 e 65.18. Negli ultimi due lanci ha ottenuto altre due ottime misure con 65.80 e 64.55. Il campione NCAA del salto in lungo Marquis Dendy, vincitore del titolo universitario indoor con 8.25, ha realizzato un miglior salto di 8.17 ventoso.  

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Risultati: il grande week end di running firmato TDS
Timing Data Service presenta la sua due giorni di running: 25-26 novembre
Federica Dal Rì conquista il tricolore e l’Agsm Veronamarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli