GOTEBORG 2013 MENO 2 – PRESENTIAMO I CONCORSI MASCHILI

 
Mancano poco più di ventiquattro ore ai Campionati Europei Indoor di Goteborg 2013. Domani sera alle 18.30  andranno in scena le qualificazioni del lancio del peso maschile nella Market Square, vera novità dell’edizione del Campionato continentale in sala. Da Venerdì mattina inizieranno le prime gare nello Scandinavium, impianto indoor multifunzionale che ospita la locale squadra di hockey su ghiaccio e in passato fu teatro di partite di Coppa Davis di tennis e dell’Eurovision Song Contest.
di Diego Sampaolo

 

Analizziamo qui le gare dei concorsi maschili, tra le più attese dell’intera manifestazione per la presenza di big come Renaud Lavillenie e Bjorn Otto nel salto con l’asta e Aleksey Dmitrik e Robbie Grabarz nel salto in alto oppure l’idolo locale Michel Torneus nel salto in lungo. Le speranze azzurre sono riposte su Daniele Greco nel salto triplo e sul trio dei giovani saltatori in alto italiani Silvano Chesani, Gianmarco Tamberi e Marco Fassinotti.

Salto in alto:

In assenza del campione olimpico Ivan Ukhov, il duello del salto in alto maschile tra il russo Aleksey Dmitrik e il primatista britannico Robbie Grabarz promette scintille.

Dmitrik guida le liste europee dell’anno con 2.36 stabilito al meeting di Arnstadt e ha vinto quattro gare su sei in questa stagione classificandosi secondo nelle altre due. Il russo, che ha vinto la medaglia d’argento agli ultimi mondiali di Daegu nel 2011, proverà a migliorare il secondo posto ottenuto quattro anni fa a Torino nell’ultima edizione italiana della rassegna continentale in sala. La Russia schiera anche il campione europeo juniores 2009 Sergey Mudrov che ha vinto il titolo nazionale indoor quest’anno con 2.34.

Grabarz ha conosciuto un 2012 da favola nel quale ha vinto la medaglia d’oro agli Europei all’aperto a Helsinki e il bronzo olimpico a Londra 2012 e ha eguagliato il record britannico detenuto da Steve Smith superando 2.37 a Losanna. Grabarz ha superato 2.31 in questa stagione indoor ma è stato sconfitto due volte da Dmitrik a Glasgow e a Birmingham.

Silvano Chesani ha migliorato il record italiano indoor superando 2.33 ai Campionati Italiani Indoor e arriva a Goteborg con la terza misura europea dell’anno e la quinta al mondo. Il poliziotto trentino guida la giovane squadra azzurra del salto in alto insieme allo “showman” Gianmarco Tamberi e Marco Fassinotti. Tamberi ha superato 2.30 (record personale indoor ad 1 solo centimetro dal record all’aperto) a Banska Bystryka battendo di due centimetri proprio Chesani ma successivamente si è infortunato anche se sembra pienamente recuperato. Fassinotti è andato ad allenarsi in Gran Breatgna con Robbie Grabarz e ha superato 2.27 proprio a Londra prima di classificarsi secondo agli Assoulti di Ancona sempre con 2.27.

Salto con l’asta:

Si preannuncia come la gara clou della rassegna in terra svedese. In gara ci sarà tutto il podio delle ultime Olimpiadi di Londra che coincide con quello degli Europei di Helsinki dove il vincitore é lo stesso: Renaud Lavillenie.

Il saltatore francese ha iniziato il 2013 come aveva finito la passata stagione vincendo tutte le otto gare stagionali con la migliore prestazione mondiale dell’anno portata a 5.94 settimana scorsa nell’ultima uscita stagionale a Metz nello stesso meeting del 7”59 di Paolo Dal Molin sui 60 ostacoli.

Lavillenie difende il doppio titolo continentale indoor avendo conquistato sia Torino 2009 che Parigi 2011. Proprio a Torino si rivelò al grande pubblico vincendo con 5.81. Due anni fa a Parigi ha fatto il bis superando il record francese con 6.03 davanti al pubblico di casa.

Il campione olimpico sfiderà la fortissima squadra tedesca composta Bjorn Otto e Raphael Holzdeppe, rispettivamente argento e bronzo alle Olimpiadi e agli Europei, e da Malte Mohr, medaglia di bronzo agli Europei Indoor 2011.

Otto ha superato 5.90 in questa stagione invernale stabilendo il record mondiale master 35 e ha vinto il titolo tedesco settimana scorsa a Dortmund con 5.85 battendo di cinque centimetri Mohr, mentre Holzdeppe si è dovuto accontentare del quinto posto con 5.70.

Nella lotta franco-tedesca potrebbero inserirsi il greco Konstantinos Filippidis, che ha realizzato il record greco con 5.83 a Linz, e il britannico Steve Lewis, finalista olimpico e primatista nazionale all’aperto con 5.80.

Salto triplo:

L’Italia dovrà fare a meno della medaglia di bronzo olimpica Fabrizio Donato che ha dato forfeit per un infortunio e un attacco influenzale che lo ha colpito settimana scorsa ma potrà contare sul giovane Daniele Greco, quarto alle Olimpiadi alle spalle di Donato. Il giovane poliziotto pugliese allenato da Raimondo Orsini è secondo nelle liste mondiali e europee dell’anno con 17.07 nell’ultima gara stagionale. Solo l’esperto romeno Marian Oprea ha fatto meglio dell’azzurro con 17.17. Oprea cercherà di completare la collezione di medaglia in questa manifestazione dopo il bronzo di 11 anni e il bronzo di due anni fa a Parigi in una delle più grandi gare di salto triplo della storia nella quale Teddy Tamgho superò il record del mondo con 17.92 e Fabrizio Donato migliorò il record italiano volando a 17.73 in un pomeriggio memorabile.

Il russo Ruslan Samitov, campione nazionale con 17.06, e il campione francese Harold Correa (16.94) e Benjamin Campaoré (16.86) saranno gli altri uomini da seguire per la lotta al podio.

Salto in lungo:

Nel salto in lungo maschile sono riposte le maggiori speranze di medaglia per il pubblico di casa. Lo svedese Michel Torneus, terzo agli Europei di Helsinki e quarto alle Olimpiadi, ha vinto il titolo nazionale con 8.15 e ha successivamente migliorato il suo record con 8.20 al recente meeting di Stoccolma. Lo svedese è secondo nelle liste mondiali e europee dell’anno a soli due centimetri dal russo Alexander Menkov.La medaglia di bronzo degli ultimi mondiali indoor ha realizzato 8.22 a Irkutsk e ha vinto il titolo nazionale con 8.18.

Sebastian Bayer difenderà il doppio titolo europeo dopo i successi di Torino 2009 (quando realizzò il record europeo indoor con un salto da fantascienza da 8.71) e di Parigi 2011 ai quali ha aggiunto anche l’oro europeo all’aperto la scorsa estate a Helsinki. Nella squadra tedesca ci sarà anche il campione europeo di Barcellona 2010 Christian Reif che in questa stagione ha saltato 8.06 e ha vinto il titolo nazionale a Dortmund battendo Bayer. Occhio anche ai greci Louis Tsatoumas e Yeorios Tsakonas, campione nazionale con 8.15.

L’Italia schiera il campione nazionale Stefano Tremigliozzi, che a Ancona ha vinto il titolo tricolore con 7.95, Kevin Ojaku, secondo a Ancona con 7.91 e Emanuele Catania, che in questa stagione ha realizzato 7.96.

Lancio del peso:

Gara molto aperta che non vedrà alcuni pezzi frossi come David Storl eTomas Majewski. E’ difficile trovare un grande favorito ma puntiamo sull’esperienza del tedesco Ralf Bartels che ha vinto le ultime due edizioni degli Europei Indoor a Torino e a Parigi oltre all’oro agli Europei all’aperto a Goteborg 2006 e il bronzo ai Mondiali di Berlino 2009. Bartels ha vinto il titolo tedesco con 20.08 settimana scorsa. Le graduatorie mondiali dell’anno sono guidate da Martin Stasek che ha vinto i Campionati della Repubblica Ceca con 20.73. Il bronzo dell’ultima edizione degli Europei Indoor Maksim Sidorov, ha un personale di 20.10ma va considerato come uno dei grandi favoriti per il podio.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
CORRI IN REPUBBLICA CECA: MATTONI ÚSTÍ NAD LABEM HALF MARATHON 2017
I RISULTATI DELLE GARE TDS DEL WEEKEND
A SAN VENDEMIANO NASCE ATL.ETICA, UN SALTO… CULTURALE!
Abbigliamento Accessori Calzature
HOKA ONE ONE RIVISITA LE CLIFTON 4 E LE SPEEDGOAT 2
Scopri La Maglia Tecnica Ufficiale della 32^ Venicemarathon
ASICS lancia la GEL-FujiRado