VERSO GOTEBORG 2013: PRESENTIAMO I CONCORSI FEMMINILI

Alessia Trost qui ritratta in occasione del
titolo mondiale juniores
(Fonte Fidal/Colombo)
Alessia Trost sarà una delle stelle annunciate del Campionato Europeo Indoor di Goteborg che scatta già Giovedì sera con il prologo delle qualificazioni del lancio del peso maschile nella centralissima Market Square. La diciannovenne di Pordenone ha vissuto un inverno da favola nel quale ha collezionato cinque vittorie in altrettante competizioni e ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno con 2.00 metri al meeting del Moravia High Jump Tour di Trinec in Repubblica Ceca. 
di Diego Sampaolo

Grazie a questi risultati l’allieva di Gianfranco Chessa é stata eletta atleta europea del mese di Febbraio dopo il periodico referendum on-line al quale hanno partecipato i fans e i rappresentanti dei media sul sito internet della European Athletics (in campo maschile si é imposto il campione olimpico e europeo del salto con l’asta Renaud Lavillenie, che a Goteborg difenderà il titolo continentale al coperto vinto in casa a Parigi con 6.03).
Alessia proverà a iscrivere il suo nome nell’albo d’oro della manifestazione continentale al coperto due anni dopo il successo di Antonietta Di Martino al Palais Omnisport di Parigi Bercy.
La gara del salto in alto sarà una sfida generazionale tra la giovanissima Alessia Trost e le due ultratrentenni Ruth Beitia  e Tia Hellebaut. La spagnola Beitia inseguirà la quinta medaglia continentale al coperto dopo i tre argenti nel2005, 2009 e 2011 e il bronzo del 2007. La scorsa estate la trentatreenne spagnola ha vinto a Helsinki la medaglia d’oro che ancora mancava nel suo ricco palmares e si è classificata al quarto posto alle Olimpiadi di Londra.
Tia Hellebaut ha vinto il titolo europeo indoor a Birmingham 2007 battendo la nostra Di Martino con un salto da 2.05. In questa stagione ha saltato 1.97 a Eaubonne, 1.96 a Arnstadt e 1.95 a Stoccolma. La trentacinquenne belga, mamma di due bambine, ha vinto una delle gare più importanti della sua carriera proprio a Goteborg nel 2006 quando si laureò campionessa europea all’aperto con 2.03 in una gara davvero memorabile.
Le altre pretendenti per il podio saranno la svedese Emma Green Tregaro (vincitrice del titolo nazionale con 1.94 in questa stagione) e Olena Holosha che hanno condiviso il terzo gradino del podio agli ultimi Europei all’aperto insieme alla russa Irina Gordeeva.
Salto con l’asta femminile:
Roberta Bruni, l’altra medagliata italiana degli ultimi Mondiali Juniores di Barcellona oltre alla campionessa mondiale Trost, é salita sulla ribalta in questa stagione invernale nella quale ha migliorato due volte il record italiano assoluto prima con 4.51 a Fermo il 2 Febbraio e poi con 4.60 agli Assoluti di Ancona, un risultato davvero impressionante per una ragazza non ancora diciannovenne se si pensa che il record mondiale juniores é il 4.63 della svedese Angelica Bengtsson stabilito due anni fa al meeting indoor di Stoccolma.
Il 4.60 pone la giovane portacolori della Cariri Rieti tra le possibili pretendenti ad un posto in finale in una gara che presenta numerosi giovani di talento. Si giocheranno le medaglie la giovane britannica Holly Bleasdale e la rivelazione russa Anastasiya Savchenko. La Bleasdale, emersa nel 2011 con il titolo europeo under 23 a Ostrava, ha vissuto una stagione invernale da protagonista nella quale ha saltato 4.87 e ha vinto la medaglia di bronzo ai Mondiali Indoor di Istanbul. Nel corso dell’estate ha saltato 4.71 e si è classificata al sesto posto alle Olimpiadi di Londra. Quest’anno ha superato i 4.77 ai Campionati britannici di Sheffield e ha vinto a Birmingham con 4.70 ma non è andata oltre i 4.45 nell’ultima uscita al meeting di Stoccolma.
La russa Savchenko ha migliorato il suo personale di 19 centimetri portandolo a 4.71 nel corso di quest’inverno e lotterà per un posto sul podio insieme alla campionessa europea all’aperto Jirina Ptacnikova (4.64 al recente meeting di Stoccolma),  alla greca Nikoleta Kiriakopoulu (4.60) e alla beniamina del pubblico svedese Angelica Bengtsson.
Salto triplo:
Simona La Mantia difenderà il titolo europeo indoor conquistato due anni fa al Palais Ombisport di Parigi Bercy con il suo record personale indoor di 14.60. La palermitana ha vinto il titolo italiano indoor a Ancona con 14.06 nell’unica gara indoor disputata in questa stagione dimostrando una buona condizione di forma.
Il ruolo di grande favorita spetta all’ucraina Olga Saladukha che cercherà di aggiungere il titolo europeo indoor al suo ricco palmares che comprende i successi ai Mondiali all’aperto a Daegu 2011 e agli Europei outdoor di Helsinki 2012. La Saladukha ha vinto entrambe le gare disputate in questa stagione a Dusseldorf con 14.52 e a Birmingham con 14.61. Con quest’ultima misura guida leliste mondiali stagionali.
La formazione russa presenta tre atlete nuove in grado di poter lottare per il podio. Irina Gumenyuk (14.48 di personale stagionale), Viktoriya Dolgacheva (14.41) e Veronika Mosina (14.30). La lotta per il podio potrebbe allargarsi anche alla slovacca Dana Veldakova e alla campionessa del mondo indoor dello scorso anno Yamilé Aldama.

Salto in lungo:
La campionessa europea Dariya Klishina difenderà il tiolo continentale indoor vinto due anni fa a Parigi Bercy. La bella Dariya, considerata la pin-up dell’atletica, ha vinto tre gare su cinque compreso il successo ai Campionati russi indoor con 6.80 per tre centimetri su Olga Kucherenko, che guida le liste mondiali stagionali con un salto da 7.00 metri esatti a Krasnodar in Gennaio. La Kucherenko vanta un palmares di tutto rispetto con un bronzo agli Europei Indoor di Torino 2009 e un argento ai Mondiali all’aperto di Daegu 2011.
La francese Eloyse Lesueur proverà ad abbinare il titolo continentale indoor a quello vinto all’aperto la scorsa estate a Helsinki con 6.81, curiosamente la stessa misura di accredito realizzata al meeting di Karlsruhe con la quale si presenta a Goteborg. Lotteranno per il podio la britannica Shara Proctor, medaglia di bronzo agli ultimi Mondiali Indoor di Istanbul e atleta accreditata di un buon 6.78 a Birmingham, la fresca campionessa dei Balcani Ivana Spanovic (6.73 a Istanbul nello scorso fine settimana) e la tedesca Melanie Baushke (6.68 a Karlsruhe).
L’Italia sarà rappresentata dalla giovane Giulia Liboà, che si è guadagnata la convocazione grazie al titolo vinto agli Assoluti di Ancona.
Lancio del peso:
La padovana Chiara Rosa, medaglia di bronzo la scorsa estate a Helsinki con la misura di 18.47 m, si presenta a Goteborg da campionessa italiana indoor grazie al successo conquistato lo scorso 16 Febbraio al Banca Marche Palas di Ancona con 18.11 m.
La lotta per le medaglie dovrebbe essere un affare tra la capolista mondiale stagionale Christina Schwanitz, che ha vinto il titolo tedesco lo scorso fine settimana a Dortmund con 19.79, che la pone in cima alle liste mondiali stagionali. La tedesca dovrà vedersela con la russa Evgeniya Kolodko, medaglia d’argento olimpica a Londra 2012 e seconda delle liste mondiali stagionali con la misura di 19.24 con la quale ha vinto il titolo russo indoor quest’anno. La Russia sarà rappresentata anche da Irina Tarasova che lo scorso anno vinse la medaglia d’argento agli Europei di Helsinki davanti a Chiara Rosa. 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Black Friday: occasione strepitosa Venicemarathon!
IO corro e MyMARATHON, i progetti running a misura di donna
Firenze Marathon con oltre 10mila al via. Tutte le info
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli