PAOLO DAL MOLIN ECCELLENTE 7″59 A METZ – IL MEGLIO DEI CAMPIONATI TEDESCHI A MENO QUATTRO GIORNI DA GOTEBORG

Paolo Dal Molin
in azione ai
Campionati Italiani Indoor
(Fonte Fidal/Colombo)
Eccellente risultato dell’ostacolista azzurro Paolo Dal Molin che al meeting francese di Metz ha sfiorato per appena due centesimi di secondo il primato italiano indoor dei 60 ostacoli con un eccellente 7”59. Nella storia dei 60 ostacoli il tempo di Dal Molin si colloca al secondo posto all-time a due centesimi dal primato nazionale stabilito da Emanuele Abate lo scorso anno al meeting di Magglingen. 
di Diego Sampaolo

Dal Molin supera il 7”60 di Emiliano Pizzoli che fino all’anno scorso deteneva il record italiano. Anche Abate ha corso la finale dei 60 ostacoli nel meeting francese chiudendo al terzo posto dietro al polacco Dominik Boshenek in 7”75 dopo un 7”74 in batteria.
Dal Molin vive e lavora in Germania dove nell’attuale stagione indoor aveva già corso in 7”64 a Karlsruhe lo scorso 2 Febbraio. Ha mamma bellunese e papà originario del Camerun.
Il meeting transalpino ha celebrato l’ennesimo grande risultato del campione olimpico e europeo del salto con l’asta Renaud Lavillenie che con 5.94 ha superato di un centimetro la sua migliore prestazione mondiale dell’anno. Renaud ha superato tutte le misure compreso il 5.94 sempre al primo tentativo. E’ la quinta volta in questa stagione che il campione francese é riuscito a stabilire la migliore prestazione mondiale dell’anno.
E’ stata una bella giornata per la famiglia Lavillenie visto che il fratellino Valentin (21 anni) è riuscito a migliorare il suo record portandosi a 5.70 che gli ha permesso di classificarsi al terzo posto ma a pari misura alle spalle del greco Kostantinos Filippidis.
Gli altri “highlights” del meeting transalpino sono stati il 6”53 dell’intramontabile Kim Collins sui 60 metri e il 3’36”66 del keniano Bethwel Birgen sui 1500 metri. Collins ha preceduto il connazionale Antoine Adams (6”64) e il francese Emmanuel Biron (6”68).
CAMPIONATI TEDESCHI INDOOR
La Helmut Kornig Halle di Dortmund ha ospitato una bella edizione dei Campionati tedeschi indoor. Come da tradizione salto con l’asta maschile ha nobilitato la manifestazione. Il successo è andato al bronzo europeo e olimpico Bjorn Otto con un ottimo 5.85 ma anche i suoi rivali non sono stati da meno offrendo un grande spettacolo di fronte ad un impianto gremito in ogni ordine di posto. Malte Mohr ha superato 5.55, 5.70 e 5.80 sempre al primo tentativo mettendo pressione su Otto che ha avuto bisogno di tre tentativi per valicare la misura di 5.70. 
Otto ha sbagliato il primo tentativo a 5.80 ma nel momento decisivo vola a 5.85 e si aggiudica il terzo titolo tedesco nazionale indoor dopo quelli conquistati nel 2007 e nel 2012. Successivamente ha tentato tre prove a 6.01 (misura del nuovo record tedesco). Hendrick Gruber e Tobias Scherbarth si sono classificati al terzo e al quarto posto con 5.75 creando problemi ai selezionatori tedeschi che si trovano di fronte a problemi di abbondanza. Raphael Holzdeppe, bronzo europeo a Helsinki e bronzo olimpico a Londra, ha concluso al quinto posto con 5.70 in una gara di altissimi contenuti tecnici.
Nella prima giornata Christina Schwanitz ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno nel lancio del peso femminile con la misura di 19.79, che ha migliorato il suo primato assoluto di 11 centimetri. La prestazione della Schwanitz é la seconda misura all-time tedesca a livello indoor alle spalle del 20.30 della grande Astrid Kumbernuss.
Il gigante tedesco Ralf Bartels ha vinto il suo ultimo titolo tedesco indoor nel lancio del peso maschile con 20.08 m. nella sua stagione d’addio e si presenta come un possibile pretendente per il podio agli Europei Indoor di Goteborg dove difenderà i titoli consecutivi vinti a Torino 2009 e a Parigi 2011.
Gli altri “highlights” dei Campionati tedeschi indoor sono arrivati dallo sprint. Verena Sailer, campionessa europea outdoor a Barcellona 2010, ha stabilito la seconda migliore prestazione della sua carriera sui 60 metri con 7”18 battendo la giovane Tatyana Pinto che con 7”24 ha sfiorato di un centesimo di secondo il suo record personale stabilito in questa stagione. Julian Reus si candida con il suo 6”56 (il tempo più veloce ai Campionati tedeschi dal 1999) nella finale dei 60 metri maschili come uno dei possibili pretendenti per il podio insieme all’azzurro Michael Tumi e la francese Jimmy Vicaut.
Christian Reif, campione europeo outdoor a Barcellona 2010, ha vinto il duello del salto in lungo con il due volte campione continentale indoor Sebastian Bayer con un salto da 8.06. Bayer, che difenderà il suo titolo europeo a Goteborg, si è classificato secondo con 7.97.
QUATTRO MIGLIORI PRESTAZIONI DELL’ANNO NELLE CONFERENCE STATUNITENSI
Nell’intenso fine settimana dei Campionati di Conference statunitensi sono state realizzate quattro migliori prestazioni mondiali dell’anno.
La parte del leone spetta alle South Eastern Conference di Fayetteville dove il ventenne Deon Lendore, ultimo frazionista della staffetta 4×400 di Trinidad and Tobago medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Londra, ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno sui 400 metri con un eccellente 45”15 in bateria, poi confermato dal 45”23 nella finale. Ottimo anche il 45”67 di Hugh Graham nella finale.
Kimberlyn Duncan, campionessa NCAA outdoorla scorsa estate, ha stabilito la sesta migliore prestazione all-time statunitense sui 200 metri con un eccellente 22”54 precedendo di sedici centesimi di secondo Ashton Purvis.
Aaron Ernest, medaglia d’argento sui 100 e sui 200 metri ai Mondiali Juniores di Barcellona nel Luglio scorso, ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno sui 200 metri correndo in 20”53 in batteria e ha vinto poi la finale in 20”59.
La prestazione più sorprendente dell’ultimo fine settimana statunitense é arrivato da Marquis Dendy che con 8.25 ha stabilito la migliore prestazione indoor di un atleta statunitense degli ultimi nove anni.
Brianna Rollins ha corso i 60 ostacoli in 7”90 (a dodici centesimi dal suo record personale di 7”78 stabilito in Gennaio) a Blacksburg in Virginia agli ACC Championships.
Ai Big 10 Championships di Geneva in Ohio Japhet Cato ha superato il muro dei 6000 punti (6090 per la precisione). Eccellente performance del bronzo olimpico del salto in alto Dereck Drouin che supera 2.30 e realizza la migliore prestazione nell’ambito di una gara di eptathlon indoor. Nella classifica finale Drouin si è classificato al terzo posto con 5817 punti. 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Firenze Marathon con oltre 10mila al via. Tutte le info
Coast to Coast è ora di correre. Svelati i top ultra-runner del 3 dicembre
La Milano21 Half Marathon è sold out ma si apre la lista d’attesa!
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli