NEWS DAL KENYA: 20X400 E FRECCETTE PER VALERIA STRANEO

Dal Kenya giungono notizie fresche sulla preparazione dei nostri atleti azzurri, per bocca della maratoneta Valeria Straneo. Gli allenamenti procedono bene e nella giornata di oggi (giovedì 21 febbraio), Valeria ed Emma hanno svolto un ottimo lavoro in pista di 20×400, accusando parecchia fatica per non aver recuperato ancora completamente il variato di 18 km del martedì.
di Valeria Venzano

La pista è in terra battuta, con la prima corsia solcata per i continui passaggi degli atleti, che alzano un gran polverone. Oggi c’erano circa una quarantina di Keniani, che facevano ripetute. Oltre ai duri allenamenti, Valeria ci svela qualche particolare sulle loro giornate. La sera stanno nel campus, perché la città è a 40’ dal villaggio. Quando riescono si connettono a internet oppure chiacchierano e giocano a freccette o a biliardo. 
La sveglia la mattina è verso le 6.30 per i ragazzi, che si allenano quasi sempre con i keniani, mentre per le ragazze intorno alle 8, ma devono anticipare anche di un’ora, quando hanno lavori lunghi. A tavola il menù è lo stesso dei Keniani e sempre uguale: riso, pasta, verdure, legumi, ugali (una specie di polenta), spezzatino di carne di varie bestie (mucca, agnello, pollo) e le buonissime chapati (tipo piadine). 
La colazione viene fatta dopo l’allenamento mattutino ed è prevalentemente a base di yogurt, latte, cereali, tè, pane tostato, miele e marmellata. I Keniani bevono tanto chai, un tè mischiato a latte e molto zuccherato. 
Sembra proprio che i nostri atleti si siano adattati perfettamente alla vita in Kenia!

Lascia un commento

Freelifenergy
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
Come combattere il caldo e incrementare la prestazione negli sport di endurance
La Psicologia dello Sport e la teoria dei Marginal Gains
#pastaparty
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!
Come alimentarsi durante la preparazione ad un evento sportivo
Il video della Milano Marathon: riviviamo le emozioni in 1 minuto