IL DEBUTTO SUI 400 METRI DI BOLT E BLAKE IN GIAMAICA



Usain Bolt e Yohan Blake hanno debuttato in questa stagione gareggiando in serie separate dei 400 metri al Camperdown Classic di Kingston.
Bolt, triplo campione olimpico dei 100, 200 metri e della staffetta 4×100 e Atleta dell’Anno 2012, ha corso la sua serie dei 400 in 46”71 dimostrando un buono stato di forma anche se il tempo è lontano dal suo primato personale di 45”28.
di Diego Sampaolo

“Ero nervoso prima della gara. Volevo vincere senza infortunarmi. Correre in 46”71 in questo periodo dell’anno dimostra che sono in buone condizioni di forma”, ha detto Bolt.
“Fisicamente mi sono sentito bene. Il temo non importa. Potrei disputare un altro 400 prima dell’inizio della stagione estiva. Dipende da quello che deciderà il mio coach. Gli allenamenti sono andati bene e questo è un buon segno per il resto della stagione”, continua Usain.

Nell’altra serie il campione mondiale dei 100 metri e argento olimpico dei 100 e dei 200 Yohan Blake si é classificato al terzo posto in 46”77 alle spalle del bronzo olimpico dei 200 Warren Weir, primo in 46”21 davanti a Edino Steele (46”44)

“Sono contento della gara nonostante il tempo cronometrico. Gli allenamenti stanno andando bene. L’obiettivo è difendere il titolo mondiale dei 100 metri”, ha dichiarato Blake.

A Montego Bay hanno fatto il loro debutto stagionale Asafa Powell e la doppia campionessa olimpica dei 100 metri Shelly Ann Fraser Pryce. Powell ha corso l’ultima frazione della 4×100 dell’MVP Track Club (che comprendeva anche Winston Barnes, Nesta Carter e Roman Nichol) che ha fermato il cronometro in 38”62. Il quartetto femminile del team allenato da Stephen Francis (Sherone Simpson, Latoya Greaves, Anneisha McLaughlin e Shelly Ann Fraser Pryce) ha vinto in 44”67.

Sempre nel mondo dello sprint Tyson Gay ha annunciato di recente di voler correre anche un 400 metri ad inizio stagione con l’obiettivo di scendere sotto i 45 secondi come fece nel 2010 quando fermò il cronometro in 44”89 diventando il primo sprinter capace di scendere sotto i 10 secondi sui 100, sotto i 20” sui 200 e sotto i 45” sui 400.

Gare indoor: Grabarz tenta i 2.39 ai campionati britannici
La seconda giornata dei Campionati Britannici è stata caratterizzata dall’ottimo 2.31 del saltatore in alto britannico di origine polacca Robbie Grabarz, campione europeo a Helsinki, bronzo olimpico a Londra e primatista britannico con 2.37. Grabarz ha mancato di poco i 2.39 nell’ultimo dei tre tentativi. Secondo posto con la misura di 2-22 per Marco Fassinotti, che si allena con il tecnico di Grabarz

“Il mio allenatore mi criticherà per aver fatto una rincorsa troppo veloce ma per me questo non è un problema. L’anno scorso ho eguagliato il record britannico di Steve Smith a Losanna. Il mio obiettivo è migliorare questo record e diventare l’unico possessore del record nazionale. Non avevo mai vinto il titolo nazionale e per questo era il mio obiettivo primario”, ha detto Grabarz.

Elidh Child ha realizzato la terza migliore prestazione mondiale dell’anno sui 400 metri con 52”06 in batteria prima di confermarsi in finale in 52”13. Nigel Levine si è imposto nei 400 maschili in 46”72.

Nelle indoor italiane spicca soprattutto il 6″67 di Fabio Cerutti che eguaglia al centesimo di secondo il minimo per gli Europei di Goteborg. Simone Collio ha fermato il cronometro in 6″69 a Casal del Marmo. 

In Olanda il vice campione europeo di Helsinki 2010 Eelco Sintnicolaas ha stabilito l’undicesima migliore prestazione di sempre dell’eptathlon indoor con 6341 punti (questi i suoi parziali nelle gare individuali: 6”97 nei 60 metri, 7.50 nel lungo, 14.01nel peso, 2.08 nell’alto, otto centimetri meglio rispetto al suo precedente personale, 7”88 personale nei 60 ostacoli, 5.40 nell’asta, 2’41”30 nei 1000 metri).

Dagli Stati Uniti arriva la notizia clamorosa del 2.25 realizzato da Jeremy Taiwo che ha realizzato la migliore prestazione di sempre in una gara di salto in alto all’interno di una prova di eptathlon. Taiwo ha realizzato un totale di 6156 punti (7.02 nei 60, 7.42 nel lungo, 14.18 nel peso, 2.25 nell’alto, 8”08 nei 60 ostacoli, 4.25 nell’asta, 2’33”44 nei 1000).

Sempre negli Stati Uniti si é svolto il Tyson Invitational di Fayetteville dove la velocista Aureyall Scott ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno sui 200 metri con 22″68 precedendo la campionessa NCAA Kimberlyn Duncan (22″77), Regina George ha realizato il miglior tempo stagionale sui 400 con 51″67. Wallace Spearmon ha disputato la prima gara stagionale correndo i 200 metri in 20″71 sulla pista di fayetteville. Marvin Bracy ha fermato il cronometro in 6″54 sui 60 metri. 

Ekaterina Bolshova ha vinto il tito russo del pentathlon indoor totalizzando un eccellente score di 4852 punti (8”50 nei 60 ostacoli, 1.89 nel salto in alto, 13.40 nel peso, 6.57 nel lungo e 2’10”52 nei 1000).

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
A SAN VENDEMIANO NASCE ATL.ETICA, UN SALTO… CULTURALE!
Servizi al top e grande cuore per la ‘6 ore per le vie di Curinga’
Succede che chi vince l’argento…scrive a chi vince l’oro. Franscesco Puppi l’ha fatto
Abbigliamento Accessori Calzature
HOKA ONE ONE RIVISITA LE CLIFTON 4 E LE SPEEDGOAT 2
Scopri La Maglia Tecnica Ufficiale della 32^ Venicemarathon
ASICS lancia la GEL-FujiRado