ALESSIA TROST BATTE TIA HELLEBAUT AL MEETING DI GAND



Alessia Trost ci ha preso sempre più gusto. Dopo l’1.98 di Udine e le vittorie a Hustopece (1.95) e Trinec (2 metri) la diciannovenne friulana ha vinto la sua terza gara internazionale con 1.95 a Gand in Belgio in occasione dei Flanders Games con una gara perfetta. La campionessa mondiale juniores ha addirittura battuto la beniamina di casa Tia Hellebaut, che non è andata oltre un salto da 1.91. Da sottolineare la differenza di età tra la trentacinquenne belga e l’azzurra che compirà 20 anni il prossimo 8 Marzo nel giorno della festa della donna.
di Diego Sampaolo

La Trost ha mantenuto l’imbattibilità stagionale e si è confermata la numero uno stagionale. Nelle liste mondiali dell’anno l’allieva di Gianfranco Chessa svetta in cima con il suo 2 metri di Trinec guardando dall’alto verso il basso la campionessa europea di Helsinki Ruth Beitia che ha superato l’1.98 a Santander il 7 Febbraio e Tia Hellebaut, vincitrice a Eaubonne con 1.97.

Alessia supera agevolmente 1.78, 1.83 e 1.87 al primo tentativo prima di incappare in un errore a 1.91. ne approfitta la Hellebaut che supera 1.91 al primo tentativo e passa in testa. Alessia non ha poi alcuna esitazione e supera 1.91 al secondo tentativo prima di vincere la gara a 1.95 con un salto eccellente nel quale lascia un margine molto ampio tra sé e l’asticella.

“I 2 metri di Trinec mi hanno frastornato. Sono arrivata a Gand un po’ scarica. Ormai mi sento in confidenza con la misura di 1.95”, ha dichiarato la Trost all’Ufficio stampa della Fidal.

Nei 1500 metri Margherita Magnani continua i suoi progressi stabilendo il suo record personale con il tempo di 4’12”44 facendo meglio di 16 centesimi rispetto al suo precedente primato personale stabilito a Dusseldorf. Nuovo significativo progresso per Giulia Viola che corre in 4’16”79 che le permette di entrare nella top-ten italiana di sempre. I 1500 femminili sono stati vinti dalla marocchina Rabiba Arrafi in 4’10”69
Il meeting belga ha visto le sconfitte di tutti i beniamini di casa  kevin Borlée ha stabilito il  record nazionale sui 300 metri con 32”72 ma si è dovuto accontentare del secondo posto alle spalle del campione europeo dei 400 metri Pavel Maslak che correndo in 32”58 ha stabilito il secondo tempo europeo all-time (alle spalle del 32”47 del francese Leslie Djhone).

L’irlandese Brian Gregan, capofila stagionale dei 400 con 46”07, ha battuto a sorpresa Jonathan Borlée per un decimo di secondo esatto facendo segnare il tempo di 46”73
L’ostacolista Yvette Lewis ha vinto di misura i 60 ostacoli femminili in 8”03 sulla belga Eline Berings, campionessa europea indoor di Torino 2009 (8”04) e sulla vice campionessa europea bielorussa Alina Talay (8”05).

Il velocista spagnolo Angel David Rodriguez si è confermato uno dei migliori velocisti in Europa in vista degli Europei vincendo in 6”55. Christophe Lemaitre ha fatto progressi rispetto alla gara di Dusseldorf chiudendo in terza posizione in 6”64 alle spalle del tedesco Julian Reus.
Il diciottenne Albert Rop, secondo alla recentissima Cinque Mulini, si è imposto nei 3000 metri in 7’39”59 battendo il siepista Paul Kipsiele Koech (7’39”75) e la rivelazione di Gibuti Ayanleh Souleiman (7’39”81)

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
SI TERRA’ DOMENICA 12 NOVEMBRE 2017 A MILANO LA TERZA EKIRUN
STEFANO VELATTA TOP RUNNER DELLA COAST TO COAST 59KM
Eyob Faniel correrà la 32^ Huawei Venicemarathon!
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE