INCREDIBILE RECORD ITALIANO DI MICHAEL TUMI: 6″53 – BRUNI DA RECORD NELL’ASTA: 4.51



Incredibile prestazione del velocista veneto Michael Tumi che ha polverizzato di due centesimi di secondo il record italiano dei 60 metri facendo segnare un fantastico 6”53 al meeting svizzero di Magglingen. Lo sprinter vicentino, campione italiano indoor sui 60 metri nel 2011 e nel 2012, ha cancellato dall’albo dei record italiani il 6”55 detenuto da un terzetto formato da Pierfrancesco Pavoni (Atene 7 Marzo 1990), Simone Collio Valencia 9 Febbraio 2008) e Fabio Cerutti (Torino 22 Febbraio 2009).
di Diego Sampaolo

Tumi, allenato da Umberto Pegoraro, è esploso a grandi livelli quando vinse il primo titolo italiano indoor dei 60 metri nel 2011, nell’anno della semifinale agli Europei Indoor di Parigi 2011, della doppia medaglia agli Europei Under 23 di Ostrava (argento nei 100 e oro nella 4×100) e del quinto posto con la staffetta 4×100 azzurra ai Campionati del Mondo di Daegu.

Tumi, ex calciatore nelle file del Vicenza e del Montecchio Maggiore, è salito addirittura in cima alle liste mondiali dell’anno dei 60 metri pareggiando il 6”53 del cubano Yuniel Perez stabilito il 26 Gennaio a Valencia.

“Pensare che sono partito male. In finale non ho corso tanto bene. Sono partito in ritardo rispetto all’avversario che avevo di fianco. Ho avuto la sensazione di avere ancora molte energie da spendere e questo mi fa ben sperare in vista della stagione all’aperto”, ha detto Tumi all’Ufficio Stampa della Fidal.
La riunione di Magglingen,che già lo scorso anno regalò il record italiano dei 60 ostacoli di Emanuele Abate,  ha regalato anche l’eccellente 8”03 di Marzia Caravelli sui 60 ostacoli femminili, suo record personale migliorato di tre centesimi rispetto all’8”06 stabilito a Pordenone l’anno scorso. La prestazione dell’ostacolista friulana residente a Roma si colloca al terzo posto delle liste europee e al quarto di quelle mondiali nel 2013.

Non é finita qui. Il ricco Sabato dell’atletica italiana é stato illuminato dalla straordinaria impresa della giovane saltatrice con l’asta Roberta Bruni che, due settimane dopo aver stabilito il primato italiano juniores con 4.30 a Fermo, ha migliorato il primato italiano assoluto indoor sulla pedana di Fermo portandolo a 4.51, un centimetro in più rispetto al precedente record stabilito da Anna Giordano Bruno il 6 Febbraio 2010. Roberta, che compirà 19 anni il prossimo 8 Marzo (per coincidenza nello stesso giorno di Alessia Trost, fresca primatista italiana under 23 con 2.00 e medaglia d’oro ai Mondiali Juniores di Barcellona dovela Bruni ha vinto la medaglia di bronzo).

ROBERTA BRUNI RECORD ITALIANO ASSOLUTO DELL’ASTA: 4.51 !

La giovane reatina é entrata in gara a 4.10 che ha superato al primo tentativo. Successivamente ha centrato 4.30 sempre al primo colpo, 4.40 (primo record italiano) e 4.51 alla seconda prova prima di concedersi tre tentativi a 4.60 (con una seconda prova tutt’altro che velleitaria) che avrebbe eguagliato il record italiano 
assoluto all’aperto di Anna Giordano Bruno realizzato agli Assoluti di Milano 2009. 
La Bruni sale al sesto posto delle liste europee dell’anno e all’ottavo di quelle mondiali. 
Per l’allieva di Riccardo Balloni questo record italiano promette ottime cose in vista dei prossimi Campionati Europei Juniores di Rieti in programma dal 18 al 21 Luglio 2013. Prima di Rieti ci sarà in agenda anche l’Europeo Indoor di Goteborg per i quali si é qualificata oggi realizzando il minimo fissato dalla Fidal. 
“Sapevo che oggi poteva arrivare la grande misura. Ho fatto un bel salto a 4.51 ma avrei potuto fare molto meglio e arrivare a 4.60. Avrei dovuto gareggiare a Mondeville in Francia ma la gara di asta femminile é stata annullata. Io e la Trost compiamo gli anni nel giorno della festa della mamma. E’ la forza dell’8 Marzo. Ho coronato il mio sogno stagionale di partecipare agli Europei Indoor a Goteborg con la maglia azzurra”, ha detto la Bruni all’Ufficio Stampa della Fidal

GRECO 17.07

Inizia bene anche la stagione di Daniele Greco che supera il muro dei 17 metri al terzo tentativo con 17.07 dopo un nullo iniizle e un 16.55 al secondo tentativo. Per Grecosi tratta della seconda prestazione mondiale dell’anno alle spalle del 17.17 del romeno Marian Oprea. Julaika Nicoletti ha realizzato il minimo per gli Europei Indoor di Goteborg con 17.07 nel lancio del peso

A Mondeville Veronica Borsi ha abbassato di 10 cenesimi di secondo il suo record personale sui 60 ostacoli con 8″06 che le regala il pass per gli Europei Indoor di Goteborg. A Gand (Belgio) Elisa Cusma si é imposta negli 800 metri in 2’04″38, mentre Marta Milani ha fermato il cronometro in 2’06″49. L’altro successo italiano in terra belga é arrivato da Audrey Alloh, che ha sfiorato il suo record stagionale di tre centesimi con 7″34.

Debutto convincente del bronzo europeo Chiara Rosa che ha centrato agevolmente il minimo per gli Europei di Goteborg con la misura di 17.85.
 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
SI TERRA’ DOMENICA 12 NOVEMBRE 2017 A MILANO LA TERZA EKIRUN
STEFANO VELATTA TOP RUNNER DELLA COAST TO COAST 59KM
Eyob Faniel correrà la 32^ Huawei Venicemarathon!
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE