RECORD ITALIANO PROMESSE DI ALESSIA TROST: 1.98 !

Alessia Trost sul podio ai
Mondiali di Barcellona
(Fonte Colombo/Fidal)

Incredibile prestazione della campionessa mondiale juniores Alessia Trost che vola a Udine a 1.98 ad appena 20 anni diventando la seconda saltatrice italiana di sempre in Italia a livello indoor alle spalle del 2.04 di Antonietta Di Martino, record italiano stabilito a Banska Bystrika nel 2011, e a pari metito con Antonella Bevilacqua che saltò 1.98 nel 1994 ad Atene.

di Diego Sampaolo


La giovane allieva di Gianfranco Chessa si é migliorata di sette centimetri rispetto al suo record indoor stabilito lo scorso anno a Pordenone nel Gennaio 2012 e di sei centimetri rispetto al primato outdoor del Maggio scorso a Gorizia. Ha inoltre migliorato il primato italiano promesse detenuto dal 1993 Antonella Bevilacqua con la misura di 1.95.

La gara di Alessia è stata ai limiti della perfezione con le misure di 1.75, 1.80 e 1.85 superate tutte al primo tentativo, 1.90 alla seconda prova e 1.95 (record personale polverizzato di tre centimetri) senza errori prima dell’incredibile 1.98 alla terza prova.  

La Trost, campionessa mondiale da allieva a Bressanone 2009 e da junior a Barcellona 2012 e vice campionessa olimpica giovanile a Singapore 2010, ha ottenuto inoltre il minimo per i prossimi Campionati Europei Indoor di Goteborg (1-3 Marzo). Prima dell’appuntamento in terra svedese Alessia è attesa ad un doppio appuntamento al Moravian High Jump Tour che prevede due tappe a Hustpece il 26 Gennaio e a Trinec il 29 Gennaio.

“Lo scorso anno avevo sfiorato di poco l’1.95 e sapevo che prima opoi questa misura sarebbe arrivata. Ero già contentissima dell’1.95 ma il mio allenatore mi ha detto che avevo fatto un bel salto ma potevo fare ancora meglio. Poi ho provato i 2 metri. Non avrei neanche voluto provarci ma mi sono convinta che questa misura fa uno strano effetto e mette un po’ di paura. Ora voglio riazzerare tutto e ripartire con le prossime gare. Nel 2013 dovrò confrontarmi con l’atletica a livello assoluto dopo i successi giovanili”, ha dichiarato Alessia all’Ufficio stampa della Fidal.

E’ sempre il settore salti a regalare i risultati migliori. Sulla pedana magica di Ancona, che già in passato ha prodotto risultati di grande livello tecnico, Michele Boni vola all’ottavo posto delle liste italiane all-time con un ottimo 16.65 al quinto tentativo. Il trentunenne saltatore dell’Aeronautica si avvicina a questa misura nel tentativo successivo con 16.62. Precedentemente aveva personali di 16.61 all’aperto nel 2007 e 16.48 al coperto nel 2009.


Continua l’ottima stagione di Paolo Dal Molin, che a Sarbrucken in Germania ha centrato il minimo per gli Europei Indoor di Goteborg correndo in un ottimo 7″68 sui 60 ostacoli, sesta prestazione all-time in Italia.

Nella riunione del Banca Marche Palas di Ancona si sono messi in luce il pesista Daniele Secci, che ha migliorato il suo primato personale di due centimetri portandolo a 18.73 e il quattrocentista Eusebio Haliti (ora finalmente cittadino italiano), che ha portato il suo record da 47″63 a 47″24. Sia Secci che Haliti hanno avvicinato il minimo per gli Europei di Goteborg che é 19.00 per il lancio del peso e 47″10 per i 400 metri.Stefano Tremigliozzi, che settimana scorsa ha avvicinato di quattro centimetri il minimo per Goteborg nel salto in lungo con 7.86, ha realizzato la misura di 7.78 m.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
CORRIPAVIA ‘Special Edition’: Quante novità per domenica
CONTINUA IL VIAGGIO DI ANNA VERSO LA HUAWEI VENICEMARATHON 2017: RAGGIUNTI I 30K
SORRENTO-POSITANO COAST TO COAST 2017: SCOPRI LE PROMOZIONI PER LE SOCIETÀ
Abbigliamento Accessori Calzature
NUOVE ADIDAS ULTRABOOST ALL TERRAIN: TRASFORMA L’AUTUNNO NEL TUO ELEMENTO
ASICS LANCIA IL ‘SODDISFATTI O RIMBORSATI’
NUOVA COLLEZIONE MIZUNO PER IL TRAIL