GLI ATLETI SONO VITTIME DEL SISTEMA CORROTTO

Nella foto (da sx) Bruno Cappello con Sandro Donati (Foto: Fidal/Markus Kaserer)

Il consulente Wada Sandro Donati presenta il suo libro a Bolzano / Donati: “Negli sport di resistenza e potenza non è possibile arrivare ai vertici mondiali senza doping”
Con il suo libro “Lo sport del doping. Chi lo subisce, chi lo combatte”, il professor Sandro Donati ha colpito il grande pubblico. Ieri sera, Donati ha presentato il suo libro su invito della Fidal Alto Adige, suscitando molto interesse.  Donati ha disegnato un quadro triste dello sport di vertice. Atleti che – come è successo ad Alex Schwazer – diventano – sempre secondo Donati – vittime del sistema.

La sua lotta contro il doping e la frode nello sport inizia nel 1987, allorché in occasione dei Mondiali di atletica a Roma smascherò il salto di Giovanni Evangelisti che fu misurato in modo scorretto. Allora terminò la sua carriera da allenatore della nazionale italiana del mezzofondo veloce. Da allora, l’oggi 65enne maestro dello sport è diventato il cacciatore numero uno in Italia nella lotta contro il doping, l’unico consulente italiano della Wada, l’agenzia mondiale antidoping. Su invito della Fidal Alto Adige, Donati ha presentato ieri sera il suo libro “Lo sport del doping. Chi lo subisce, chi lo combatte” nella sala di rappresentanza gremita del Comune di Bolzano. Tra gli ospiti diversi tecnici e dirigenti, tra i quali l’ex responsabile della nazionale di sci Sepp Messner ed atleti del calibro di Christian Obrist e Silvia Weissteiner oppure lo slalomista Riccardo Tonetti. 
“Con questo invito, la Fidal Alto Adige vuole chiarire sin da subito la sua posizione nella lotta contro il doping”, ha detto il presidente  Bruno Cappello in apertura di serata. Ovviamento anche il caso di Alex Schwazer era all’ordine del giorno. Cappello ha chiesto di non condannare Schwazer. “Schwazer è vittima di un sistema dove contano solo le medaglie.” Su questo è d’accordo anche Donati: “Conosco molti casi come quello di Schwazer. Il fattore determinante è sempre il talento che crea interesse di club, manager e sponsor. Nel caso di doping poi, il sistema prevede l’isolamento dell’atleta come unico responsabile.” Donati ha criticato i controlli insufficienti: “Anche nel caso di Schwazer molti sapevano dei dati anomali nel passaporto biologico dell’atleta. Il sistema però vive coi risultati degli atleti. Nessuno fa autoamputamento, purtroppo nemmeno nei paesi democratici. Solo le magistrature hanno fatto scoppiare il caso Schwazer. E se ora la giustizia sportiva chiede quattro anni di squalifica è, perché deve dimostrare di essere molto rigoroso. Sarebbe più ragionevole, ricercare i burattinai.”
Ieri sera Donati ha fatto nomi e cognomi nelle sue accuse in casi di doping nel ciclismo, nell’atletica e nello sci di fondo. “La nazionale di sci di fondo nel 1994 era piena di Epo. Se questi atleti poi diventano tecnici responsabili, è chiaro che anche i loro atleti assumono sostanze dopanti.” Per Donati, negli sport di resistenza e potenza non è possibile arrivare ai vertici mondiali senza doping. “I Schwazer passano, ma gli allenatori e dirigenti disonesti rimangono. Paura di essere querelato non ce l’ha. “Non sono mai stat denunciato. Se così fosse, completeremo il quadro.”  
Per migliorare la situazione nello sport, Donati propone un cambiamento radicale dell’organizzazione dello sport giovanile ed una rivoluzione dal basso. “Solo da lì nasce il cambiamento, perché il vertice è corrotto. Le persone oneste nello sport non devono mollare e devono d nuovo tornare ad avere la maggioranza.” In chiusura della sua visita in Alto Adige, il professor Donati incontrerà oggi gli studenti del Liceo Torricelli di Bolzano. 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
SPORTWAY LAGO MAGGIORE MARATHON: ATTENZIONE AL CAMBIO QUOTA!
CONTO ALLA ROVESCIA PER LA 2a EDIZIONE DELICIOUS TRAIL DOLOMITI
Sarà Huawei il nuovo title sponsor della Venicemarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
ASICS LANCIA IL ‘SODDISFATTI O RIMBORSATI’
NUOVA COLLEZIONE MIZUNO PER IL TRAIL
LA TECNOLOGIA VIBRAM AI PIEDI DEL BIANCO