YURI FLORIANI: “AD ALTOFONTE SIAMO AL BUIO”

Yuri Floriani e la moglie Angela Rinicella

Lo sfogo del finalista olimpico è arrivato sulla sua pagina facebook qualche giorno fa. Yuri Floriani che vive ad Altofonte da 9 anni sta combattendo una piccola battaglia affinchè nel paese natale di Totò Antibo e tanti altri campioni ci si possa allenare in maniera decente. O ancora di più, si possano allenare anche la moglie Angela Rinicella e Silvia La Barbera, azzurre dell’atletica impegnate ad esempio questa domenica in occasione degli Europei di cross.
Un paese con un’alta concentrazione di campioni che portano il nome di Altofonte in giro per il mondo, invece nulla…c’è il buio assoluto (nel vero senso della parola) da parte delle istituzioni locali, in primis Sindaco e l’Assessore allo Sport che cosa ancor più grave appaiono totalmente ignoranti ed indifferenti in materia di sport e di campioni.


“Sono qui da nove anni, qui si fa fatica a dire la propria, ma ci sono troppe cose che non vanno ed io voglio troppo bene all’atletica”. A sfogarsi è l’azzurro Yuri Floriani, trentino di origine ma da quasi un decennio trasferitosi per amore ad Altofonte, provincia di Palermo. Siamo nella problematica Sicilia, soprattutto quando si parla di impianti sportivi. Che mancano e che, cosa ancor peggiore, quando ci sono non si possono utilizzare. Yuri sta provando a cambiare un po’ le cose, perché laggiù è quasi impossibile allenarsi: “Sopra il paese c’è un campetto di calcio abbandonato, inagibile da sempre. Da qui parte la strada della ex ferrovia – continua Floriani – E’ su questa strada, tutta in saliscendi che Antibo costruì i suoi successi. Allenamenti duri ma redditizi visto ciò che ha vinto ma ora è asfaltata e trafficata, camion e macchine. Impossibile allenarsi, ci provano ogni tanto le sorelle La Barbera ma è pericoloso e sono costrette a cambiarsi in auto, neanche gli spogliatoi. In questo campetto abbiamo iniziato ad allenare cinque ragazzini, bene oggi sono diventati una trentina. E’ nato il problema del dove allenarsi”. 

Gli impianti non mancano, però c’è sempre qualcuno contro: “Siamo andati al campo di calcio del paese, c’è anche la pista di atletica, in terra, malandata, ma almeno c’è ed i genitori hanno visto che c’è sicurezza e ci affidano i loro bambini. Per questo il numero cresce, e questa è la cosa che più mi da soddisfazione. Quando si vogliono fare le cose si fanno. Tra questi c’è anche un ragazzino che già campione regionale dei 1500 e di cross. Potrebbe essere il futuro ed ennesimo campione di Altofonte. La pista è piena, si è creato un bel movimento”

Sembra una bella favola…tutto bene dunque? “No, perché ci hanno detto di non accendere le luci dello stadio la sera, che costa troppo. La cosa è assurda perché proprio davanti c’è un piccolo palazzetto dello sport per una precaria squadra di pallavolo con illuminazione accesa almeno dodici ore al giorno. Oppure ci sono le luci pubbliche nelle strade accese di giorno e spente di notte. Non vogliono che ci alleniamo lì, ci tirano le pallonate. A metà allenamento ce le spengono”. 

“Vorrei che ci concedessero l’uso del palazzetto sportivo qualche ora la settimana, almeno d’inverno perché la pista in terra con la pioggia diventa fango. Il sogno sarebbe avere dei fondi dalle istituzioni per comprare qualche attrezzatura come gli ostacoli, ma la vedo dura. Farò da me. Io stesso non so dove allenarmi, vado ogni tanto allo stadio Delle Palme a Palermo, ma l’anno prossimo per preparare i mondiali andrò via diversi mesi da qui. Non mi arrendo, io qui ad Altofonte mi sento a casa e questi ragazzi sono il futuro”.

Cesare Monetti

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Risultati: il grande week end di running firmato TDS
Timing Data Service presenta la sua due giorni di running: 25-26 novembre
Federica Dal Rì conquista il tricolore e l’Agsm Veronamarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli