MERRITT: “DOVRO’ CAMBIARE LA MIA PASSWORD DOPO IL RECORD DEL MONDO”


Aries Merritt ha cancellato il record del mondo dei 110 ostacoli correndo in un clamoroso 12″80 che ha tolto sette centesimi di secondo rispetto al precedente primato di Dayron Robles stabilito a Ostrava nel 2008.

Il ventisettenne statunitense, campione olimpico a Londra, era già andato vicino all’impresa durante l’estate correndo ben sette volte sotto i 13 secondi prima di Bruxelles. Prima delle Olimpiadi ha corso tre volte in 12″93 ai Trials statunitensi di Eugene enelledue tappe della Diamond League di Londra e Montecarlo prima delle Olimpiadi. Ai Giochi ha corso la semifinale in 12″94 e la finale in 12″92. Ha riportato il titolo olimpico negli Stati Uniti sedici anni dopo l’ultimo trionfo a stelle e strisce di Allen Johnson a Atlanta 1996.
di Diego Sampaolo

Nel dopo Olimpiadi ha cercato il record del mondo a Losanna sulla pista del penultimo record mondiale stabilito da Liu Xiang nel 2006 (12″88) ma ha forse pagato il peso delle aspettative facendosi squalificare per partenza falsa. Si é subito rifatto vincendo a Birmingham in 12″95 e a Berlino in 12″97 che hanno anticipato la grande impresa di Bruxelles davanti a 47000 spettatori impazziti.

Aries é nato a Chicago nell’Illinois ma si é trasferito in giovane età a Marietta in Georgia dove ha frequentato la Joseph Wheeler High School. Iniziò quasi percaso un giorno al campo di atletica quando il suo compagno di allenamento Reggie Whitherspoon gli propose di superare un cancello. Il suo allenatore lo vide superare il cancello. e gli disse: “Da quel giorno tu diventerai un ostacolista. Da lì tutto é iniziato”.

Merritt si é messo in luce fin da subito con una brillante carriera giovanile culminata con il successo ai Mondiali Juniores di Grosseto dove batté Dayron Robles, l’uomo che lo ha preceduto come primatista mondiale. Nelle gare universitarie statunitensi si misein luce vincendo il titolo NCAA nel 2006 in 13″21, battendo il record dei Campionati NCAA di Greg Foster e realizzando il secondo tempo mai realizzato a livello di college in America alle spalle del grande Renaldo Nehemiah che corse in 13″00  Inoltre ha strappato il record dell’Università del Tennessee a Willie Gault.

Abbiamo raccolto l’intervista della conferenza stampa dopo la gara record di Bruxelles dove ha raccontato la sua gioia dopo il record che ha riportato il primato negli Stati Uniti dopo tanti anni. L’ultimo primatista statunitense fu Roger Kingdom che corse in 12″92 a Zurigo nel 1989, un tempo migliorato dal britannico Colin Jackson ai Mondiali di Stoccarda con 12″91. Da allora si sono succeduti il cinese Liu Xiang (12″88) nel 2006 a Losanna e il cubano Dayron Robles (12″87) nel 2008.

Aries, é stata una gara perfetta ?

“Penso che sia stata la migliore gara della mia vita. E’ stata un’ottima gara dal punto di vista tecnico. Ho eseguito perfettamente la partenza e corso in modo fluido tra le barriere. Ritengo però che ci siano margini di miglioramneto. Posso limare ancora qualcosa”

Aveva l’obiettivo di battere il record dopo le Olimpaidi ?

“A Losanna volevo correre un tempo mai realizzato prima e ho finito per commettere la partenza falsa. Queste cose succedono ma sono riuscito a ritrovare subito la concenterazione. A Birmingham ho rimesso le cose a posto e ho corso in 12″95 in condizioni non perfette con vento contrario. Poi ho corso a Berlino in 12″97 tirando al massimo delle mie possibilità. A Bruxelles non avevo il record in mente. Volevo semplicemnete correre sotto i 13 secondi e chiudere alla grande la mia stagione ed é arrivato il record mondiale. Quando sono arrivato Lunedì a Bruxelles ho visto che la pista era velocissima simile a quella delle Olimpiadi. Sapevo di poter correre velocissimo e che qualcosa di speciale sarebbe accaduto. Nelle gare precedenti ho inanellato una serie di gare da 12″93 ripetuto ben tre volte. Alle Olimpiadi volevo correr sotto 12″93 ed é arrivato 12″92. Ero un pò arrabbiato- In semifinale avevo corso in 12″94 senza forzaresapevo di avere nelle gambe un tempo da 12″8 ma questo tempo non é arrivato nella finale olimpica. A Losanna pensavo che potesse essere la gara giusta ma sono stato squalificato per partenza falsa. Ma ero fiducioso che con una gara perfetta e in condizioni ottime sarei riuscito a correre molto velocemente.”

Qual’é stata la sua prima reazione quando ha visto il tabellone luminoso che indicava record del mondo ?

“Quando ho visto 12″81 (poi corretto in 12″80) mi sono detto: Cosa ? Ero in uno stato di shock. Non riuscitvo a crederci. Quando ho visto 12″80 ho iniziato a gridare per la gioia. Ho sempre pensato di poter valere 12″85. Quei numeri sono dappertutto nella mia vita. Sono i numeri del mio indirizzo email e della mia password. Ora dopo aver corso in 12″80 dovrò cambiare lamia password !”

Come spiega questi miglioramenti ?

“Ho iniziato una dieta e ho ridotto molto pizza, patatine e hamburger e ne sento benefici in allenamento”

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Eyob Faniel correrà la 32^ Huawei Venicemarathon!
L’ultramaratoneta Luisa Zecchino investita mentre si allena. E’ grave.
Svelato percorso e maglia nuova della EA7 ARMANI MILANO MARATHON 2018
Abbigliamento Accessori Calzature
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli
CARBON ENERGIZED SUIT E DRYARN. ENERGIZE YOUR BODY
GARMIN FORERUNNER® 30, LA SEMPLICITÀ DI CORRERE