RICHARDS ROSS: “VOGLIO IL RECORD DELLO STADIO DI STOCCOLMA E IL DIAMANTE

A soli sei giorni dalla conclusione delle gare in pista alle Olimpiadi di Londra, numerosi campioni ammirati ai Giochi compresi undici medaglie d’oro sono pronti a rituffarsi sulla scena in occasione dell’odierno DN Galan di Stoccolma, decima tappa della Samsung Diamond League.

Una delle campionesse più attese della serata che celebrerà i 100 anni dello Stadio Olimpico di Stoccolma sarà la fresca campionessa olimpica dei 400 metri e della staffetta 4×400. Nonostante le fatiche delle Olimpiadi dove Sanya è stata impegnata anche nei 200 metri dove si é classificata quinta in una finale stellare vinta da Allyson Felix.
di Diego Sampaolo

“Dopo le Olimpiadi ho sentito  venire un po’ meno le motivazioni ma quando ho rimesso  piede sulla pista mi sono sentita di nuovo bene. Mi sento ancora e ho ancora tanta voglia di inseguire grandi prestazioni cronometriche”.

L’obiettivo della serata è battere il record dello stadio olimpico di Stoccolma dei 400 metri detenuto da Allyson Felix che nel 2007 vinse in 49”70 battendo di due centesimi di secondo proprio la Richards. In palio per chi batterà un record del mitico impianto svedese teatro dei Giochi Olimpici del 1912 ci sarà un diamante da un carato del valore di 10000 dollari. Da quando gli organizzatori hanno introdotto questo premio nel 1994, ben 65 campioni sono tornati a casa con il diamante.  L’obiettivo sembra essere alla portata della texana di origini giamaicane che in questa stagione ha corso in 49”28 ai Trials statunitensi  e ha vinto le Olimpiadi in 49”55.

“Mi sono allenata duramente la stagione e voglio continuare a migliorare i miei migliori tempi stagionali. Voglio il record dello stadio e il diamante”

Finalmente la popolare quattrocentista statunitense è riuscita a scacciare la maledizione delle Olimpiadi che l’avevano sempre vista sconfitta (sesta a Atene e terza a Pechino battuta dalla britannica Christine Ohuruoghu, seconda a Londra”

“La finale dei 400 è stata molto intensa. Il fatto che ci fosse la campionessa in carica Ohruoghu che giocavain casa ha reso la finale ancora più speciale. C’era una grande partecipazione emotiva da parte del pubblico.  Quando sono andata sui blocchi mi sono detta: “Sanya, credici. Era un momento che aspettavo da tanto tempo.  Sono riuscita a vivere finalmente il mio sogno  davanti ai miei genitori, e a mio marito Aaron Ross,  giocatore di football americano due volte vincitore del Super Bowl con i New York Giants che ha avuto un permesso per seguirmi a Londra. Abbiamo festeggiato tutti insieme fino alle 2 di notte e le batterie dei 200 metri erano il giorno dopo. Sono contenta di aver provato a doppiare 200 e 400 e mi piacerebbe ripetere l’esperienza in futuro se sarò in salute. Ho corso in 22”3, un tempo che ai Mondiali di Daegu avrebbe regalato una medaglia ma la finale dei 200 era davvero fenomenale. Per questo sono contenta del mio quinto posto. Dopo il 22”09 al meeting di New York ho capito che potevo correre su entrambe le distanze ai Trials e alle Olimpiadi.Il mio allenatore Clyde Hart mi ha raccomandato di concentrami sui 400 e di dare la priorità alla distanza più lunga.  La vittoria alle Olimpiadi è stata un peso tolto. Ora posso concentrarmi su grandi prestazioni cronometriche. Posso battere il record statunitense da me stabilito a Atene alla Coppa del Mondo con 48”70 (settima prestazione di sempre”, ha detto la Richards.

A Londra la Richards ha vinto anche il suo terzo oro olimpico con la staffetta 4×400 con un fenomenale 3’16”87, quinto tempo della storia. Era dal 1993che non si correva così velocemente nella staffetta del miglio. Nell’occasione la Richards ha contribuito con una frazione corsa in 49”10.

“Pensavamo che il record del mondo potesse essere alla nostra portata e ci aspettavamo che le russe, le giamaicane e le britanniche ci potessero dare più filo da torcere . La vittoria è sembrata più facile del previsto”, ha detto la Richards Ross commentando la vittoria nella staffetta del miglio.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
CMP Trail Youth 2018 in palio 80 borse di studio
Aquadventure Park Mezzamaratona del VCO, ancora pochi giorni per iscriversi
Emma Quaglia e Riccardo Borgialli, Salomon Running Milano incorona i campioni italiani di Trail Corto
Abbigliamento Accessori Calzature
Brooks lancia i modelli Levitate 2, Bedlam e Ricochet, dotati di intersuola con tecnologia DNA AMP
FreeLifenergy e Sziols Sport Glasses, una partnership naturale
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
#pastaparty
Carolina Chisalé, vincitrice Salomon Running 2017 a #pastaparty
Cagliari Urban Trail, emozionante da vedere e da vivere
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile