GIUSY VERSACE: ADDIO LONDRA!

Sfuma il sogno a cinque cerchi per l’atleta paralimpica Giusy Versace. Non è bastato migliorare di oltre un secondo e mezzo il suo record italiano sui 200 metri (31”21) – valevole anche come minimo B – e il 15”50 sui 100 metri (minimo A) per entrare nella squadra paralimpica di atletica leggera, varata questa mattina a Spilimbergo (Pn) dal Consiglio Federale della FISPES (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali) che prenderà parte ai Giochi di Londra dal 29 agosto al 9 settembre.


Molta è la delusione per l’atleta calabrese che in questa stagione ha dimostrato di aver compiuto un grande salto di qualità, migliorandosi di ben 69 centesimi sui 100 metri e a stabilire sui i 200 (specialità in cui era all’esordio) il nuovo primato europeo, poi battuto dalla formidabile olandese Van Rijn. Questi tempi, tra l’altro, sono stati ottenuti nonostante i due stop subiti per la rottura del braccio sinistro a metà febbraio e soprattutto per l’asportazione della tiroide ai primi di giugno. Ma tutto ciò non ha fermato la grinta e la tenacia della Versace, che tre settimane dopo l’operazione alla tiroide, era di nuovo ai blocchi di partenza dei Campionati Europei di Stadskanaal, ottenendo due importanti quarti posti nei 100 e 200 metri, e il 12 luglio a Celle Ligure riusciva persino a migliorarsi fino al nuovo record italiano di 31”21. Giusy Versace era in continua e costante crescita fisica, come ha dimostrato negli allenamenti e nei test eseguiti proprio a Spilinbergo in questi giorni sotto lo sguardo dei tecnici federali, ma ciò non è bastato alla Federazione, in dubbio fino all’ultimo tra lei e la velocista ipovedente Elisabetta Stefanini, per inserirla nella squadra azzurra.

“Sono molto dispiaciuta commenta a caldo la Versaceperché ci ho creduto fino all’ultimo, visto che avevo ottenuto i minimi richiesti dalla Federazione e dimostrato di essere ancora in crescita e pronta per essere competitiva a Londra. Mi resta quindi un po’ di amaro in bocca perché non mi è chiaro il criterio con cui hanno fatto la loro scelta. Ciò non toglie che sono contenta per Elisabetta, lei è un’amica e se lo merita, ed io non posso rimproverarmi di nulla perché ho fatto tutto quello che dovevo fare e che mi è stato richiesto. La mia Olimpiade l’ho già vinta perchè è stato quasi un miracolo rivedermi in piedi a correre tre settimane dopo l’uscita dal Policlinico Gemelli di Roma dove mi hanno tolto la tiroide. Adesso andrò qualche giorno in vacanza anche se mi hanno chiesto di essere ‘riserva’ della squadra fino al 24 agosto, giorno della partenza. Lascerò per un po’ nell’armadio le protesi da corsa e mi prendo un po’ di pausa dalla pista e dagli allenamenti e poi con calma deciderò cosa fare in futuro. La vita continua, domani è un altro giorno e di sicuro non rinuncio all’impegno sociale che ho portato avanti in questi anni con la mia associazione. Aiutare gli altri mi aiuterà a superare anche questi momenti difficili. Ringrazio tutti coloro che hanno creduto in me e mi sono stati vicini in questi mesi.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
CMP Trail Youth 2018 in palio 80 borse di studio
Aquadventure Park Mezzamaratona del VCO, ancora pochi giorni per iscriversi
Emma Quaglia e Riccardo Borgialli, Salomon Running Milano incorona i campioni italiani di Trail Corto
Abbigliamento Accessori Calzature
Brooks lancia i modelli Levitate 2, Bedlam e Ricochet, dotati di intersuola con tecnologia DNA AMP
FreeLifenergy e Sziols Sport Glasses, una partnership naturale
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
#pastaparty
Carolina Chisalé, vincitrice Salomon Running 2017 a #pastaparty
Cagliari Urban Trail, emozionante da vedere e da vivere
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile