JONATHAN BORLEE 44″43 IN BATTERIA SUI 400

Spettacolo puro sulla velocissima pista dell’Olympic Stadium di Londra con il debutto dei centometristi in vista dell’attesissima finale di domani e il primo turno dei 400 maschili che hanno fatto registrare il nuovo record belga di Jonathan Borlée che con il 44″43 si candida come uno dei grandi favoriti per le medaglie.

di Diego Sampaolo

Batterie 400 metri maschili: RECORD BELGA DI JONATHAN BORLEE: Incredibile prestazione di Jonathan Borlée che batte il record del Belgio in batteria con 44”43 strappandolo al gemello Kevin che ai Campionati nazionali a Bruxelles aveva corso in 44”46. Ottimo anche il giovane campione europeo Pavel Maslak della Repubblica Ceca che è sceso per la prima volta nella sua carriera sotto i 45 secondi con 44”91. Era tanta l’attesa per vedere all’opera il sudafricano Oscar Pistorius, il primo atleta amputato della storia capace di qualificarsi per le Olimpiadi. Il ragazzo sudafricano, che si allena a Gemona in Friuli, si è difeso benissimo chiudendo la sua semifinale in seconda posizione in 45”44 nella scia del campione del mondo junioresdi Barcellona 2012 Luguelin Santos, che ha vinto con facilità in 45”18. Ha corso facile il campione del mondo di Grenada Kirani James, primo nella seconda batteria in 45”23. Il giro di pista ha perso il campione in carica Lashawn Merritt che si è fermato dopo pochi metri. Il malanno muscolare subito al meeting di Montecarlo si riacutizzato e il vice campione del mondo di Daegu non potrà difendere l’oro di Pechino. Nell’ultima batteria Kevin Borlée ha corso controllando in 45”14 pochi minuti dopo aver perso il record belga ma ha dato l’impressione di risparmiarsi in vista delle semifinali e della finale.

100 metri maschili: IL DEBUTTO DI SUA MAESTA’ BOLT:  Nel corso della seconda mattinata  di gare i Giochi Olimpici hanno celebrato uno dei momenti più attesi con il debutto dei big dello sprint. Subito forti gli statunitensi Tyson Gay (10”08 con vento contrario di -1.4 m/s), Justin Gatlin (9”92) e soprattutto Ryan Baley che ha eguagliato il suo personale con 9”88. Subitoé arrivata la risposta dei giamaicani. Usain Bolt, accolto dal boato degli 80000 spettatori dello Stadio Olimpico di Londra, non dà l’impressione di forzare chiudendo in 10”08. Asafa Powell che ha esibito un pizzetto giallo ha preceduto il diciottenne campione del mondo juniores Adam Gemil che avvicina il suo personale con 10”11. Ha passeggiato anche Yohan Blake che ha fermato il cronometro in 10”00. Grande anche Dwain Chambers che firma un ottimo primato stagionale di 10”02. 
Salto con l’asta femminile: Yelena Isinbayeva scaccia i fantasmi dopo i tre nulli del meeting di Montecarlo con una qualificazione più che convincente nella quale ha superato in scioltezza la quota di 4.55 con un bel margine sopra l’asticella. Clamorosa eliminazione della campionessa mondiale brasiliana Fabiana Murer.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Campaccio Cross Country, la gara di tutti: giovani, master e campioni
Oro per Nadia Battocletti ai Campionati Europei di corsa campestre
“La Traccia Bianca”, la 14^ edizione il 24 febbraio!