PISTORIUS SECONDO A LIGNANO SABBIADORO

Era tanta l’attesa del numeroso pubblico che ha assiepato la tribuna dello Stadio Teghil in occasione della diciannovesima edizione del Meeting Sport e Solidarietà di Lignano Sabbiadoro, cittadina friulana diventata nel mondo per essere stata scelta dai campioni giamaicani come sede abituale dei loro allenamenti estivi.
di Diego Sampaolo


Il protagonista più atteso della bella serata di atletica era indubbiamente Oscar Pistorius che ha scelto Gemona del Friuli come sede dei suoi allenamenti estivi.  Lignano ha portato fortuna allo straordinario campione sudafricano con l’Italia nel cuore lo scorso anno quando con 45”07 realizzò il minimo per i Mondiali di Daegu dove fu poi brillante semifinalista nella prova individuale.

Quest’anno Oscar è entrato nella squadra del Sudafrica per le Olimpiadi grazie al 45”20 di inizio stagione e al secondo posto ottenuto ai Campionati Africani di Porto Novo nel Benin  in 45”52. La gara di Lignano Sabbiadoro era l’ultimo test prima di volare a Londra dove sarà il grande protagonista delle Olimpiadi e delle Paraolimpiadi di fine Agosto.  Blade Runner non ha ripetuto la performance dello scorso anno ma ha chiuso in seconda posizione in 46”56 alle spalle di Calvin Smith Jr. (45”52), figlio dell’ex primatista mondiale dei 100 metri Calvin Smith  

Tra le gare da ricordare del meeting friulano merita una menzione particolare il grande 800metri vinto da Job Kinyor in 1’44”39 davanti all’australiano Jeff Riseley (1’44”48) e allo statunitense Mulder (1’44”75). Eccellente anche la prova del campione italiano Giordano Benedetti che è sceso sotto l’1’46” con 1’45”34, quasi un secondo tolto al suo precedente personale. Bene in chiave italiana anche Marta Milani negli 800 metri in 2’01”75 nella gara vinta dall’italo-cubana Yusneisy Santiusti in 1’59”95 davanti alle statunitensi Maggie Vessey (2’00”53) e Anna Pierce (2’00”66). Elisa Cusma ha dimostrato di esserein crescita chiudendo in sesta posizione in 4’07”55 nei 1500 femminili vinti dalla statunitense Anderson in 4’04”64 davanti alla britannica Dobriskey (4’05”27). Notevole progresso anche per Margherita Magnani, che abbassa il suo personale portandolo a 4’08”94.  

L’altra stella annunciata era l’ostacolista statunitense Lolo Jones che ha siglato un buon 12”85 nei 100 ostacoli in una delle sue prime uscite dopo la qualificazione olimpica ottenuta grazie al terzo posto ai Trials statunitensi in 12”85. Quarto posto per Micol Cattaneo, in 13”14.

Lascia un commento

Freelifenergy
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
Come combattere il caldo e incrementare la prestazione negli sport di endurance
La Psicologia dello Sport e la teoria dei Marginal Gains
#pastaparty
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!
Come alimentarsi durante la preparazione ad un evento sportivo
Il video della Milano Marathon: riviviamo le emozioni in 1 minuto