BLAKE ILLUMINA LUCERNA: 9″85

Yohan Blake ha illuminato la pista di Lucerna in una calda serata di mezza estate con un eccellente 9”85, tempo che ha abbassato di un centesimo il record dello Spitzenleichathletik meeting detenuto con 9”86 dall’altro giamicano Nesta Carter.

Dal punto di vista statistica si tratta dell’ottavo tempo più veloce della stagione e la terza prestazione stagionale per il giovane campione giamaicano che si candida come il più serio rivale di Usain Bolt ai Giochi Olimpici di Londra.
di Diego Sampaolo

Blake ha battuto di recente Usain Bolt ai Trials Giamaicani di Kingston sa sui 100 che sui 200 metri correndo in 9”75 e in 19”80, migliori tempi mondiali dell’anno.

La corsa di Blake è stata uno spettacolo che ha entusiasmato i circa 13000 spettatori assiepati sulle tribune del rinnovato Stadio Allmend, impianto ristrutturato nel 2010. Erano tanti  i ragazzi a caccia di autografi dopo la gara. Non era facile contenere la gioia dei tantissimi ragazzini desiderosi di straooare un autografo al campione del mondo dei 100 metri di Daegu, che in questa stagione aveva già corso in 9”75 ai Trials e in 9”84 a George Town alle Isole Caymane  Blake ha dimostrato tutta la sua disponibilità e non ha negato la foto e l’autografo a nessun ragazzino e questo lo rende un ragazzo molto semplice ma nello stesso tempo  amato dal pubblico, molto diverso da quell’allegrone delle piste di Usain Bolt.

Blake ha scelto il palcoscenico più familiare di Lucerna anziché meeting più ricchi e blasonati come le tappe della Diamond League di Londra e Montecarlo. Lucerna è l’unico meeting che Blake ha deciso di disputare prima delle Olimpiadi.

“Il mio obiettivo non era cercare un grande tempo ma provare buone sensazioni dopo i Trials Gamaicani. La pista era ottima e il pubblico di Lucerna è stato fantastico”, ha detto Blake.

Blake, nato a St. James, è figlio di Vede e Shirley Blake.  Fu scoperto da O’NeilAnkle, Preside del Liceo d Bogue Hill vicino a Montego Bay che cap+ per primo che il giovane Yohan aveva un futuro nell’atletica. Fino a 16 anni Blake coltivava la passione per il cricket, suo primo sport. Il suo primo sogno era giocare per la selezione delle West Indies. Tuttora Yohan coltiva la passione per questo sport così popolare nei paesi anglosassoni e in Giamaica.

Il suo primo grande successo su una pista di atletica arrivò nel 2006 quando vinse la medaglia di bronzo ai Mondiali Juniores di Pechino  quando era ancora allievo alle spalle del briatnnico Harry Aikinees Aryetey e del canadese Justin Warner. Nel 2007 realizzò il tempo più veloce per un velocista junior in Giamaica in occasione della sua vittoria ai Carifta Games in 10”11 dispuati alle Isole Turks and Caicos, arcipelago caraibico salito alla ribalta per la recente vittoria di Delano Williams agli ultimi Mondiali Juniores di Barcellona sui 200 metri.

Pur accreditato del miglior tempo dell’anno a livello juniores con 10”27 e 10”11 ventoso dovette accontentarsi del quarto posto ai Mondiali Under 20 di Bydszgosz. si è trasferito al Racers Track Club di Glen Mills, tecnico di Usain Bolt. Nel 2009 divenne il più giovane velocista a scendere sotto i 10 secondi con il 9”96 realizzato al Golden Gala di Roma alle spalle di Tyson Gay e AsafaPowell, successivamente migliorato a Parigi con 9”93.

L’esplosione è avvenuta nel 2011 in occasione della vittoria ai Mondiali di Daegu in 9”92. In Corea è diventato il più giovane sprinter a laurearsi campione del mondo dei 100 metri. Nel dopo Daegu ha migliorato il suo record correndo i 100 in 9”82 a Zurigo e a  Berlino e soprattutto è diventato il secondo duecentista della storia con l’incredibile 19”26 ottenuto a Bruxelles, tempo migliorato solo da Bolt nela finale dei Mondiali di Berlino 2009. Quella serata di metà Settembre a Bruxelles Bolt lodò Blake per la sua straordinaria determinazione e applicazione in allenamento. Bolt chiama il suo compagno “The Beast”, la bestia. Già agli inizi della carriera fu proprio Bolt a parlare di Blake come il futuro dello sprint giamaicano. “Aspettatevi molto da Yohan. E’ una bestia in allenamento. Si allena molto duramente anche quando dovrebbe riposarsi”, ha detto un giorno il grande Usain del suo compagno.

Il meetingdi Lucerna è stato ricco dialtri grandi risultati. Su tutti il 19”86 del ventunenne giamaicano Jason Young che ha migliorato in un solo colpo il suo record da 20”42 (ottenuto ai Trials Giamaicani in semifinale) diventando il terzo dell’anno al mondo dopo il 19”80 di Blake ee il 19”83 di Bolt.

Strepitoso anche il 21.11 nel lancio del peso della campionessa del mondo del lancio del peso neozelandese Valerie Adams che ha ottenuto la seconda migliore prestazione della sua carriera, a soli 13 centimetri dal suo primato personale stabilito in occasione del suo trionfo ai Mondiali di Daegu. Nella sua serie la Adams, che si allena in Svizzera con Jean Pierre Egger, il tecnico dell’ex campione del mondo Werner Gunthor, ha ottenuto un secondo miglior lancio oltre i 21 metri di 21.01. In questa stagione aveva ottenuto 21.03 in occasione della vittoria al Golden Gala.

Molto bene anche la statunitense Ginnie Crawford, vincitrice sui 100 ostacoli in 12”61 e Tyron Akins che nella serie B dei 110 ostacoli ha realizzato 13”30, due centesimi meglio rispetto a Ryan Wilson, primo nella serie A davanti al campione NCAA Andrew Riley (13”33) e al bronzo olimpico di Pechino David Oliver (13”38). La russa Olga Kucherenko ha battuto la campionessa mondiale indoor e outdoor Brittney Reese con un salto da 6.83 (6.75 della statunitense dopo il 7.15 dei recenti Trials statunitensi).

Soddisfazioni anche per l’Italia con Manuela Gentili, quarta in Italia di sempre nei 400 ostacoli con il 55”54 con il quale ha vintto la serie B, e per Elena Romagnolo, che ha migliorato il suo record personale nei 3000 metri con 8’58”37 con il quale ha chiuso al quinto posto nella gara vinta dalla keniana Mercy Cherono in 8’45”93.    

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Scegli la tua gara! Il calendario delle gare firmate TDS dal 27 al 28 ottobre
Atletica, la mezza tricolore di foligno incorona Straneo ed El Mazoury
L’Ecomaratona del Chianti Classico festeggia un successo annunciato
Abbigliamento Accessori Calzature
Brooks lancia i modelli Levitate 2, Bedlam e Ricochet, dotati di intersuola con tecnologia DNA AMP
FreeLifenergy e Sziols Sport Glasses, una partnership naturale
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
#pastaparty
Carolina Chisalé, vincitrice Salomon Running 2017 a #pastaparty
Cagliari Urban Trail, emozionante da vedere e da vivere
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile