MONDIALI JUNIORES DI BARCELLONA: STRACHAN NUOVA STELLA DELLO SPRINT

La quarta giornata dei Campionati del Mondo Juniores di Barcellona è stata all’insegna dello sprint con risultati eccellenti di valore assoluto.
di Diego Sampaolo

La stella della serata è stata  Antonque Strachan delle Bahamas che con 22”54 ha polverizzato di 28 centesimi di secondo il primato dei Campionati della statunitense Shalonda Solomon  stabilito a Grosseto 2004. La Strachan ha eguagliato l’impresa di Veronica Campbell Brown che 12 anni fu l’ultima a vincere il doppio titolo mondiale sui 100 e sui 200 metri a Santiago del Cile nel 2000. “Non è mai successo nella storia sportiva del mio paese. Questa vittoria cambierà la mia vita”, ha dichiarato la Strachan. Le statunitensi Olivia Ekpone e Dezerea Bryant si sono classificate seconda e terza in 23”15.
Incredibile sorpresa nei 200 metri maschili dove Delano Williams ha regalato alle isole Turks and Caicos, piccolo arcipelago corallino dei Caraibi situato nell’Oceano Atlantico e piccola dipendenza dell’Impero Britannico. Williams ha migliorato il suo record da 20”54 a 20”48 e ha superato la coppia statunitense formata da Aaron Ernest (20”53) e Tyreek Hill (20”54). Il giamaicano Julius Forte, in testa a pochi metri dal traguardo, ha subito un infortunio muscolare e ha dovuto dare l’addio ad una possibile medaglia.
La campionessa universitaria statunitense NCAA Ashley Spencer ha trionfato con il nuovo record dei Campionati con un eccellente 50”50, che ha battuto il record dei campionati che risaliva a Plovdiv 1990 quando si impose la nigeriana Fatima Yusuf con 50”62.. Seconda l’atleta di Guyana Kadecia Baird in 51”04, sei centesimi meglio della statunitense Ericka Rucker.
Un altro risultato da incorniciare è il 6.81 pur ventoso (+2.5 m/s dell’eptathleta britannica  Katarina Johnson Thompson  nella finale del salto in lungo. La ragazza di Liverpool si è qualificata per la squadra olimpica britannica nell’eptathlon grazie allo score di 6248 punti. Quest’anno ha battuto il record britannico juniores dell’eptahlon di Jessica Ennis a Desenzano con 6007 punti, risultato migliorato co 6248 punti a Kladno in Repubblica Ceca. Tre anni fa vinse il titolo mondiale under 18 dell’eptathlon a Bressanone. Argento per la tedesca  Lena Malkus con l’eccellente misura di 6.80, a un solo centimetro dalla vittoria. La britannica Jazmina Saywer ha completato il podio con 6.67. Anastasia Angioi, seconda ai Mondiali allievi a Lilla 2011, si è classificata 12^ con 6.08.
Storico oro nel giavellotto maschile per Trinidad and Tobago grazie a Keshorn Walcott che all’ultimo lancio ha lanciato l’attrezzo a 78.64 superando Braian Toledo che conduceva con 77.09 al secondo lancio.
Cuba ha vinto un altro oro dopo quello di O’Farrill nei 110 ostacoli grazie all’eptathleta Yargelis Rodriguez che ha totalizzato 5966 punti battendo la brasiliana Xenia Kriznan (5957 punti).  
 Per i colori italiani Alessia Trost si è qualificata per la finale del salto in alto superando senza errori tutte le misure fino a 1.84 al primo tentativo. Oltre alla Trost solo un’atleta riesce nell’impresa di superare il turno senza commettere errori. Si tratta della sorprendente Lissa Labiche delle Seychelles, fresca campionessa africana a Porto Novo nel Benin.  
Nella marcia 10 km Vito Minei si è classificato dodicesimo con il personale di 42’51”79 nella gara vinta dal colombiano Arevalo, già vincitore alla Coppa del Mondo 2012 di Saransk. Ventiduesimo posto per Francesco Fortunato in 43’13”27.
Eliminazione per la 4×100 maschile (Alessandro Pino , Fausto Desaalu, Giacomo Tortu e Giovanni Galbieri), 14^ con 40”15 e per la 4×100 femminile (Elisa Paiero, Irene Siragusa, Anna Bongiorni e Judy Ekeh) sono le prime escluse dalla finale con 45”15. 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Monte Rosa Walser Trail 2018. – Numeri e livello per un edizione sempre più internazionale
22 Settembre, nasce il Trieste Urban Trail
Convocati gli azzurri per i mondiali 100km. Però manca…
Abbigliamento Accessori Calzature
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
MIZUNO PRESENTA LA NUOVA COLEZIONE TRAIL RUNNING.
Con le Glycerin 16 Brooks presenta la nuova tecnologia DNA LOFT, per un esperienza di corsa più morbida.
#pastaparty
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile
Il 18 dicembre Pisa Marathon compie 20 anni
#Pastaparty con Davide Beccaro di Sziols, occhiali per l’outdoor con caratteristiche molto speciali