EZEKIEL MELI VINCE LA 73esima EDIZIONE DELLA “NOTTURNA DI SAN GIOVANNI”


E’ stata una straordinaria Notturna di San Giovanni, la classicissima del podismo organizzata dalla Firenze Marathon, giunta alla 73esima edizione, che ha avuto la sua partenza e arrivo da Piazza Duomo a Firenze con al via dei 1600 iscritti

per la competitiva e 650 per la non competitiva, con migliaia tra appassionati e turisti a fare il tifo lungo il percorso, dipanatosi lungo il centro storico, con colpo di pistola del via dato dall’assessore allo sport e vicesindaco di Firenze Dario Nardella, con il presidente del Coni fiorentino Eugenio Giani sul palco per le premiazioni.

In campo maschile la vittoria è andata in 30’16” al keniano Ezekiel Kiprotich Meli che ha regolato con una volata lunga il ruandese Jean Baptiste Simukeka, secondo anche lo scorso anno, che ha chiuso con una ventina di secondi di ritardo. Terzo il marocchino Toufik El Bahroumi dell’Atletica Casone Noceto. Quarto il keniano Kipkurgat. Quinto il primo degli italiani, Diego Campagna dell’Atletica Futura di Figline, che ha preceduto il lucchese Daniela Del Nista, tesserato per il Parco Alpi Apuane.
Il primo dei Veterani è stato Ridha Bouzid dell’Atletica Castello.

Meli, keniano, classe 1984, tesserato per la Virtus Cassa di Risparmio di Lucca, qualche settimana fa, l’8 giugno, aveva corso i 5000 metri al Meeting Memorial Primo Nebiolo a Torino in 13’22”15, migliore sua prestazione di sempre sulla distanza. Qualche giorno prima, sempre su pista, aveva corso i 1500 metri a Orvieto in 3’36”14. Sua miglior prestazione dell’anno sui 10 km su strada invece è il 29’04” col quale aveva vinto la Scalata al Castello ad Arezzo il 27 maggio, scorso mentre il suo primato personale sulla distanza resta il 28’25” del 2009 a Cuneo.

DONNE
In campo femminile supera sé stessa e vince per l’undicesima volta, la quarta consecutiva, la fiorentina Gloria Marconi, tesserata per la Corradini Rubiera, che quando sente aria di casa si scatena. Ha fatto corsa a sè, in testa dall’inizio alla fine, chiudendo in 35’02”. Seconda la keniana Prisilah Kimetei e terza la campionessa italiana di maratona, la massese Martina Celi. 

Lascia un commento

Freelifenergy
L’importanza dell’alimentazione e dell’integrazione post allenamento
Ferro con Vitamina C Matt: ridurre la stanchezza e l’affaticamento è facile come bere un bicchiere d’acqua
Il recupero e la regola delle 4 R
#pastaparty
Runtoday VIP/Huawei Venicemarathon è con Maria Colantuono
#pastaparty è con Jhay per Huawei Venicemarathon Runtoday VIP
Stefano Baldini, 15 anni fa l’ORO olimpico ad Atene. Video