BEKELE SECONDO MIGLIOR TEMPO MONDIALE DELL’ANNO SUI 10000 A BIRMINGHAM

I Trials olimpici britannici Open di Birmingham, che hanno ospitato una gara di 10000 metri open ad inviti con la partecipazione di grandi campioni africani, rappresentavano l’ultima occasione per Kenenisa Bekele e altri campioni etiopi per centrare la qualificazione olimpica per i Giochi di Londra.
di Diego Sampaolo

Bekele, doppio campione olimpico sui 5000 e sui 10000 metri a Pechino, aveva subito quattro sconfitte in altrettante gare sui 5000 o 3000 metri in questa stagione e la sua forma sembrava essere lontana da quella che gli permise di dominare il mezzofondo prolungato in pista fino al 2009 prima di infortunarsi. Era chiamato ad un’ultima prova di appello per centrare la qualificazione per i Giochi Olimpici di Londra e ha risposto alla grande vincendo in un eccellente 27’02”59 davanti al fratello Tariku (27’03”24, tempo che migliora il tempo con il quale vinse a Hengelo), a Gebreegziaber Gebremariam (27’03”58) e a Sileshi Sihine (27’03”65). Per Kenenisa si tratta del secondo miglior tempo mondiale dell’anno dopo il 27’01”98 realizzato da Wilson Kiprop ai Trials keniani disputati in occasione del meeting di Eugene.
Intanto i Trials britannici che servono a qualificare per i Giochi di Londra, hanno fatto registrare un comodo 3’47”50 di Mo Farah sui 1500 (specialità scelta prima di volare a Helsinki dove cercherà di vincere il suo secondo titolo europeo consecutivo sui 5000), il 10”27 del fenomeno britannico Adam Gemili (autore di un clamoroso 10”08 a soli 18 anni) e il 10”34 di Dwain Chambers nelle batterie dei 100 metri.

Lascia un commento

Freelifenergy
Utilizzare la menta per combattere il caldo e migliorare la performance
Come combattere il caldo e incrementare la prestazione negli sport di endurance
La Psicologia dello Sport e la teoria dei Marginal Gains
#pastaparty
#Pastaparty intervista Costantin Bostan: in stampelle sulle strade del Passatore. E non solo!
Come alimentarsi durante la preparazione ad un evento sportivo
Il video della Milano Marathon: riviviamo le emozioni in 1 minuto