JESSICA ENNIS DONNA COPERTINA DELLE OLIMPIADI DI LONDRA


Ennis in azione a Istanbul (Foto Colombo/Fidal)
Le Olimpiadi di Londra hanno una protagonista di casa annunciata. Si tratta di Jessica Ennis che sarà uno dei personaggi da copertina dei Giochi Londinesi. La campionessa europea e ex iridata a Berlino 2009 dell’heptathlon ha stabilito in questo week end il nuovo record britannico dell’heptathlon con 6906 punti all’Hypo Meeting di Gotzis, il più celebre appuntamento di prove multiple del mondo. La ragazza di Sheffield ha polverizzato il record nazionale di Denise Lewis che lo deteneva dal 2000 con 6831 punti.
di Diego Sampaolo

Jessica, ragazza solare allenata dal tecnico di origini italiane Toni Minichiello, ha realizzato prestazioni  incredibili per un eptatleta come 12”81 nei 100 ostacoli dove è grande specialista e 22”88 sui 200 metri (battuta in questa gara dalla campionessa europra e mondiale juniors Dafne Schippers che ha fatto segnare un clamoroso 22”73). La Ennis, laureata a Sheffield in psicologia e figlia di papà giamaicano, ha fatto segnare anche il personale nel giavellotto co 47.11, 14.51 nel peso, 1.85 nell’alto, 2’09”00 negli 800 metri e 6.51 nel lungo. La britannica, che ha vinto per la terza volta a Gotzis, si è presa la rivincita sulla campionessa del mondo Tatyana Chernova che l’aveva battuta ai Mondiali di Daegu. Anche la giovane russa, che lo scorso anno vinse a Daegu con 6880 punti, ha fatto segnare un ottimo score finale di 6774 punti.
“Sono contenta per aver dimostrato di essere in grado di realizzare un grande punteggio. Il mio obiettivo non era battere il record britannico ma essere costante in tutte le prove. Il momento più alto è stato il record del giavellotto, il salto in lungo e naturalmente i 200 e i 100 ostacoli”, ha detto la Ennis.
La gara maschie è stata un susseguirsi di emozioni e si è decisa all’ultima gara (i 1500 metri) in favore del belga Hans Van Alphen con 8519 punti (record belga letteralmente polverizzato) con soli 13 punti di vantaggio sull’olandese Eelco Sintnicolaas in una sorta di derby dei Paesi Bassi. Van Alphen ha costruito la vittoria a suon di primati personali (questa la sua serie completa: 10”96 sui 100, 7.62 nel lungo, 15.23 nel peso, 2.06 nell’alto, 49”54 nei 400, 14”55 nei 110 ostacoli, 45.45 nel disco, 4.90 nell’asta, 64.15 nel giavellotto e 4’20”87 nei 1500.
Il meeting di Gotzis è soprattutto una bella festa per questo piccolo paese austriaco che vive ogni anno la passione per le prove multiple. L’entusiasmo del pubblico assiepato sulle tribune dello stadio Mosle e sui prati che circondano la pista di atletica contribuiscono a rendere magica l’atmosfera di un meeting unico al mondo. C’è gente che monta le tende, fa picnic e mangia i buonissimi wurstel cucinati alla tedesca in un’atmosfera di festa  resa ancora più coinvolgente dal ritmo della musica da discoteca con tutti i successi del momento che accompagnano le gare.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Lahcen Mokraji, sospeso in via cautelare
Notte Blu e Pisa Marathon: le modifiche al traffico
Aperta la 19^ PisaMarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre