GRANDE GEBRE ALLA GREAT MANCHESTER RUN



Grande successo per la popolarissima Great Manchester Run illuminata dalla bella prestazione di Haile Gebrselassie che ha stabilito la miglior prestazione mondiale dell’anno sui 10 km su strada con il tempo di 27’39”. La precedente migliore prestazione mondiale dell’anno era detenuta da Kenenisa Bekele che nell’Aprile scorso ha vinto la 10 km di Dublino in 27’47”. Haile ha battuto i connazionali Tsegaye Kebede e Ayele Abshero in una giornata ideale per correre con una temperatura di 11°C con cielo coperto ma senza pioggia.
di Diego Sampaolo




Per il fuoriclasse etiope si tratta della quinta vittoria nella gara di Manchester dopo le vittorie nel 2005, 2009, 2010 e 2011 e del diciassettesimo successo su diciannove gare corse su questa distanza.
Era dalla sua vittoria nell’edizione 2009 della Manchester Run che  Haile non correva così velocemente su questa distanza su strada.


Dopo che aveva annunciato a Vienna in occasione della vittoria nella mezza maratona di voler disputare l’ultima gara sui 10000 metri a Hengelo Domenica 27 Maggio, i programmi potrebbero inaspettatamente cambiare per Gebre che avrebbe la possibilità di staccare il biglietto per le Olimpiadi nel caso in cui dovesse arrivare tra i primi tre etiopi nella gara di selezione che si disputerà ai Fanny Blankers Koen Games di Hengelo.
Molto combattuta la lotta per il secondo posto che si è decisa negli ultimi metri. Kebede, terzo alle Olimpiadi di Pechino nella maratona ma escluso dalla squadra olimpica per Londra, ha avuto la meglio su Abshero  al termine di un finale molto combattuto nel quale entrambi hanno fatto registrare lo stesso tempo di 27’56”.
 “Non sono sorpreso di aver corso così forte. Sono molto contento perché è andato tutto alla perfezione. Temevo la pioggia ma per fortuna le condizioni erano buone per correre. Dagli allenamenti che sto svolgendo sento di poter correre più forte in pista. Proverò a inseguire un posto nella squadra olimpica sui 10000 metri settimana prossima a Hengelo. Penso che sia possibile andare ai Giochi Olimpici anche se a Hengelo ci saranno tanti atleti in grado di correre forte e non sarà facile. Il mio obiettivo è correre sotto i 27 minuti a Hengelo”, ha detto Gebrselassie, due volte campione olimpico dei 10000 a Atlanta 1996 e Sydney 2000.  
Linet Masai, campionessa del mondo dei 10000 metri a Berlino, ha conquistato il successo nella gara femminile agevolmente in 31’35” battendo l’azzurra Nadia Ejjafini. L’azzurra ha stabilito il suo personale sui 10 km su strada con il tempo di 31’52”. Gara positiva anche la siciliana Anna Incerti che ha concluso in quinta posizione in 32’23” alle spalle della keniana Doris Changeiywo (32’04”) e della britannica Charlotte Purdue (32’13”) ma davanti alla maratoneta britannica Mara Yamauchi che è stata selezionata per le Olimpiadi di Londra.
Una folla di gente ha assistito alle gare nel cuore della città industriale inglese. Tante personalità hanno assistito alla grande festa di sport. Tra queste anche la grande stella del calcio Sir Boby Charlton. 
La Great Manchester Run é una gara nata nel 2003 per continuare la tradizione dell’atletica a Manchester un anno dopo lo straordinario successo dei Giochi del Commonwealth del 2002. Alla riuscita della manifestazione ha contribuito anche la manifestazione popolare  con la partecipazione di circa 40000 podisti. 
Nel pomeriggio si sono svolti i Great City Games organizzati nel pomeriggio a Deansgate con gare di velocità e ostacoli che hanno richiamato tanti campioni come Jessica Ennis, Sanya Richards e Wallace Spearmon. Una pista di atletica é stata allestita nel cuore di Manchester. E’ dal 2009 che gli organizzatori della Great Manchester Run organizzano i Great City Games. La prima edizione vide la partecipazione di Usain Bolt. Da allora la manifestazione ha conosciuto un successo straordinario. Un esempio di come si può portare la grande atletica anche nel centro delle grandi città al di fuori delle piste di atletica.   
Il tanto pubblico assiepato a Deansgate, una delle strade principali di Manchester, ha assistito alle gare in pista. L’atleta più applaudita é stata la beniamina del pubblico britannico Jessica Ennis. La campionessa europea del 2010 e mondiale del 2009 nell’eptathlon ha vinto i 100 ostacoli davanti ai suoi numerosi fans in 12”75 battendo la campionessa olimpica dei 100 ostacoli Dawn Harper (12”86) e la vice campionessa mondiale della specialità Danielle Carruthers (13”02). 
L’altra stella della manifestazione Sanya Richards Ross, campionessa del mondo outdoor a Berlino nel 2009 e indoor a Istanbul 2012, ha conquistato il successo sui 200 metri in rettilineo in 22”71. Wallace Spearmon, bronzo ai Mondiali di Berlino 2009 sui 200 metri, ha preceduto Dwain Chambers sui 150  metri in 14”87. Ryan Brathwaite di Barbados, campione del mondo dei 110 ostacoli a Berlino, ha tagliato il traguardo per primo in 13”60 sugli ostacoli alti. Il bronzo mondiale dei 110 ostacoli Andy Turner ha battuto l’ex iridato dei 400 ostacoli Felix Sanchez sull’insolita distanza dei 200 ostacoli in 22”54.  Successo britannico sui 100 metri di Christian Malcolm sul campione europeo juniores Jimmy Vicaut e su Mark Lewis Francis in 10”46.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
CORRIPAVIA ‘Special Edition’: Quante novità per domenica
CONTINUA IL VIAGGIO DI ANNA VERSO LA HUAWEI VENICEMARATHON 2017: RAGGIUNTI I 30K
SORRENTO-POSITANO COAST TO COAST 2017: SCOPRI LE PROMOZIONI PER LE SOCIETÀ
Abbigliamento Accessori Calzature
NUOVE ADIDAS ULTRABOOST ALL TERRAIN: TRASFORMA L’AUTUNNO NEL TUO ELEMENTO
ASICS LANCIA IL ‘SODDISFATTI O RIMBORSATI’
NUOVA COLLEZIONE MIZUNO PER IL TRAIL