LONDON MARATHON: lotta aperta in campo maschile. Probabile strapotere keniano

ATLETICAWEEK UNICO MEDIA ITALIANO ACCREDITATO UFFICIALE ALLA LONDONMAARATHON

Parlare di gara aperta in campo maschile ci risulta difficile visto il superbo livello che gli atleti keniani presenti al via hanno mostrato nel ultimo anno di gare.
Il defender dello scorso anno, quell Emmanuel Mutai che vinse proprio qui lo scorso anno stabilendo anche il nuovo record del percorso di 2h04’40 andando poi a piazzarsi al secondo posto nella maratona di new york e vincere il circuito delle worldwide maratona malore.


Dovrà essere al massimo della propria condizione per poter aspirare alla vittoria e alla squadra keniana di maratona per le olimpiadI:un problema di salute gli ha rallentato la preparazione nell ultimo periodo ma,a detta sua,la situazione e’ completamente recuperata e l allarme rientrato.

Suoi rivali più accreditati saranno gli unici due keniani che lo scorso anno sono scesi sotto le 2h04 ovvero Wilson Kipsang and Patrick Makau.Il primo,apparso decisamente rilassato,si presenta con quel mancato mondiale per 3 secondo lo scorso autunno a Francoforte e si dice in ottima forma così come confermatoci dal suo coach renato canova:”WIlson sta bene,dopo due volte Francoforte,abbiamo deciso insieme di provare una maratona delle major e questo suo esordio potrebbe dare sorprese visto la tranquillita on cui affronta la cosa”.Ptr,forte del primato del mondo di Berlino lo scorso settembre con 2h03’38 deve confermare quella prestazione e da lui ci si augura ancora una volta qualcosa di stratosferico pure se si vocifera non al top.

Chi viene dato in ottime condizioni di forma e’ invece Abel Kirui,due volte campione del mondo di maratona e chiamato a qualcosa di eccezionale in una gara secca come quella londinese dando quindi conferma delle voci che lo vogliono come favorito assoluto per una maglia olimpica del Kenya.

Su Kirui,allenato dall italianissimo Canova,si narra di allenamenti incredibili su un predefinito percorso di allenamento di 40km sugli altipiani keniani:l’unico capace di correre questo giro in 2h04,a significare una proiezione di maratona in allenamento in 2h07….con scarpe di allenamento e correndo sulle strade keniane rinomate come assai disastrate…

Altri keniani di primo piano saranno Martin Lel,già vincitore qui a Londra per ben tre volte e Vincent Kipruto vicecampione del mondo sulla distanza.


Tsegay Kebede ci e parso come il migliore degli etiopi in gara e probabilmente sarà un protagonista della gara visto che,con una prestazione sotto le 2h04’50,potrebbe ambire all ultima maglia etiope per la rappresentativa olimpica di maratona.

Il marocchino Gharib,il brasiliano Dos Santos e l’eritreo Tadesse completeranno un cast fenomenale per una gara molto ricca.


Tatticamente la gara maschile sarà lanciata da due lepri come Shandrack Kosgei e Leonard Langat,forse non ottimali per limiti elevati come in queste occasioni e dopo il 30k assisteremo ad un duello reale tra tutti i campioni in gara.


La seconda maratona al mondo dopo new york ha iniziato il suo count -down finale….tutti ai propri posti!!


Dal nostro inviato Alberto Stretti

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Risultati: il grande week end di running firmato TDS
Timing Data Service presenta la sua due giorni di running: 25-26 novembre
Federica Dal Rì conquista il tricolore e l’Agsm Veronamarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli