LA ISINBAYEVA INSEGUE IL TERZO ORO OLIMPICO A LONDRA

La zarina del salto con l’asta Yelena Isinbayeva ha parlato al sito Laureus.com dei suoi progetti futuri e del suo ritorno con l’allenatore Yevgeniy Trofimov che la scoprì agli inizi della carriera. “Alle Olimpiadi di Londra sarò l’avversaria di me stessa. So che le misure che sono in grado di raggiungere sono quasi impossibili di raggiungere per le mie avversarie.
di Diego Sampaolo

La due volte campionessa olimpica inseguirà il terzo oro a Cinque Cerchi e ha battuto 30 record mondiali. Le mancano cinque record per eguagliare Sergey Bubka. “Il mio obiettivo è sempre quello di battere il numero di record del mondo di Sergey Bubka che riuscì a batterne 35 nella sua carriera. Il mio allenatore mi ha detto che posso saltare 5.10”, ha dichiarato la Isinbayeva.
Nel corso dell’inverno Yelena è tornata a grandi livelli dopo due anni difficili. Nel 2010 aveva deciso di prendersi un periodo sabbatico per rigenerarsi dopo anni di atletica ad alto livello. “La mia stagione indoor è stata eccellente. Ho battuto il record del mondo indoor a Stoccolma con 5.01 e ho rivinto il titolo mondiale indoor a Istanbul. E’ una bella sensazione tornare allo stesso livello di prima e riuscire a saltare di nuovo 5 metri.  Ho vissuto dei periodi molto difficili. Ero stanca di tutto. Il mio corpo e la mia mente erano stanchi dopo dieci anni ininterrotti ai vertici nei quali ho gareggiato senza pause sia a livello indoor che outdoor. Per questo ho deciso di riposarmi e di prendermi un periodo senza gare e allenamenti”, continua Yelena.
Nel Marzo 2011 la Isinbayeva ha deciso di tornare dal suo vecchio allenatore Yevgeniy Trofimov. “E’ stata la decisione migliore che io abbia mai fatto nella mia vita. E’ stato lui a crescermi come atleta e mi ama come una figlia. Ho piena fiducia nei suoi confronti. Non lo considero solo come un allenatore ma come un secondo padre.”
La saltatrice russa ha deciso di andare avanti altri due anni fino ai Mondiali di Mosca 2013. “E’ diventato sempre più difficile prepararsi per le gare. Mi piace di più gareggiare che allenarmi. Quando gareggio mi dico sempre: Perché non posso gareggiare sempre ? Quando però scendo dal podio mi ripeto: Sono stanca di allenarmi.
Alla fine della carriera la russa ha dichiarato di voler rimanere nel mondo dell’atletica. “Sento il dovere di condividere la mia esperienza di atleta con le future generazioni. Voglio trasmettere le mie esperienze e le mie conoscenze ai giovani”, conclude la Isinbayeva. 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Monte Rosa Walser Trail 2018. – Numeri e livello per un edizione sempre più internazionale
22 Settembre, nasce il Trieste Urban Trail
Convocati gli azzurri per i mondiali 100km. Però manca…
Abbigliamento Accessori Calzature
La terra è diventata più soffice grazie al sistema di ammortizzaizone DNA Loft delle nuove Ghost 11
MIZUNO PRESENTA LA NUOVA COLEZIONE TRAIL RUNNING.
Con le Glycerin 16 Brooks presenta la nuova tecnologia DNA LOFT, per un esperienza di corsa più morbida.
#pastaparty
Maratona di Torino, un appuntamento imperdibile
Il 18 dicembre Pisa Marathon compie 20 anni
#Pastaparty con Davide Beccaro di Sziols, occhiali per l’outdoor con caratteristiche molto speciali