LA STRADA PER LONDRA PASSA DA PADOVA

Nella foto Federico de’ Stefani, Alex Zanardi e Ruggero Pertile

Alex Zanardi e Ruggero Pertile, ospiti d’onore alla presentazione della Maratona S.Antonio 2012, sono uniti da un unico obiettivo: i Giochi Olimpici
Il presidente Federico de’ Stefani: «Tutto è pronto per una grande edizione»

Maratona S.Antonio 2012, si alza il sipario. La sala Rossini del Caffè Pedrocchi, nel cuore di Padova, ha ospitato la presentazione dell’evento in cartellone domenica 22 aprile. Una piacevole occasione per brindare alla tredicesima edizione e far partire il conto alla rovescia.
Ospiti d’onore Alex Zanardi e Ruggero Pertile. Tutti e due hanno Padova nel loro destino e tutti e due sono accomunati da un unico obiettivo: i Giochi Olimpici di Londra. Il primo a parlare è stato Ruggero, atleta di casa, nonché unico maratoneta azzurro al via della gara a cinque cerchi. Era un po’ commosso nel rivedere su video le immagini delle sue vittorie e nel ripensare al trionfo in Prato della Valle del 2006: «Rispetto ad allora sono cambiate un po’ di cose, si è allargata la famiglia perché è nata mia figlia Alice e ho preso consapevolezza dei miei mezzi. Forse allora ero più impulsivo, mentre oggi sono più “ragioniere”. Ma mi è rimasta la stessa voglia di non accontentarsi, la stessa voglia di sognare – ha raccontato “Rero”, intervistato da Paolo Mutton – Londra? Mi piacerebbe chiudere tra i primi dieci al mondo e ce la metterò tutta per riuscirci».
Dopo di lui ha parlato Zanardi, che il 22 aprile si presenterà al via in handbike da campione uscente, dopo il successo del 2011. «Ricordo quando ho corso qui la prima volta, nel 2008, e le cadute rimediate. Il volto era una maschera di sangue e il dottor Costa, che mi seguiva, mi aveva detto: tranquillo, ora torniamo a casa in ambulanza. Ma io ho visto che la mia “bici” ancora reggeva e ho pensato a mio figlio Niccolò che mi attendeva al traguardo e gli ho risposto: c’è un bambino che aspetta suo padre, all’arrivo, non posso deluderlo. Oggi sono di nuovo a Padova perché questa è casa mia, dato che vivo da queste parti, e perché questa è una delle maratone più veloci e competitive al mondo per i cicloni».
Nutrito il parterre delle autorità presenti al fianco di Federico de’ Stefani, presidente di Assindustria Sport e di Massimo Pavin, presidente di Confindustria Padova. In prima fila Umberto Zampieri, assessore allo sport del Comune, Leandro Comacchio, assessore allo sport della Provincia, l’onorevole Marino Zorzato, vicepresidente della Regione Veneto, Roberto Furlan, guida della Camera di Commercio di Padova, Mirko Patron, sindaco di Campodarsego, Domenico Zanon, sindaco di Camposampiero. Ma anche il presidente del Coni di Padova Dino Ponchio, il presidente regionale della Fidal Paolo Valente, Vincenzo Montemagno, questore di Padova, Sergio Baldo, responsabile della sezione atletica delle Fiamme Oro, sempre vicine alla Maratona, Francesco Canella, presidente della catena di supermercati Alì, e Claudio Carta, presidente regionale del Comitato Italiano Paralimpico.
Il saluto finale è toccato ovviamente a de’ Stefani: «Quando penso alla Maratona S.Antonio penso alle facce degli amici che l’hanno corsa, al loro sorriso mentre tagliavano il traguardo. Di sorrisi ne vedremo tanti anche il 22 aprile: ognuno di noi troverà una faccia nota in Prato della Valle. Ed è questo il piccolo miracolo della Maratona S.Antonio: mobilitare Padova. In tredici edizioni tutti sono stati coinvolti. Un contagio benefico che ha generato un effetto virtuoso: sono nate altre manifestazioni come Corri X Padova e la 24for Children e la nostra città ha rinnovato la propria passione. Oggi Padova è una città che corre e lo fa in tutti i modi, con una gara che ha fatto della disabilità un punto di forza. E Padova corre grazie agli oltre 2.000 volontari che lavorano per far sì che tutto questo sia possibile e corre grazie maratoneti capaci di incarnare un sogno, che dalle strade veloci della nostra provincia porta sino ai Giochi Olimpici. E’ per far crescere atleti come Ruggero Pertile che Assindustria Sport continua la sua corsa. La prossima settimana tutto il mondo inizierà il countdown: -100 giorni ai Giochi di Londra. Noi inizieremo il nostro conto alla rovescia: -10 alla Maratona».

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Black Friday: occasione strepitosa Venicemarathon!
IO corro e MyMARATHON, i progetti running a misura di donna
Firenze Marathon con oltre 10mila al via. Tutte le info
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli