IL RE DEGLI 800 SFIDA BOLT NELLA 4×400 A LONDRA ?

David Rudisha ha parlato ai giornalisti dalla St. Patrick School, sua sede di allenamento, in occasione di una conferenza stampa organizzata dalla IAAF ad un mese dall’inizio della Samsung Diamond League che scatterà il prossimo 11 Maggio a Doha.
Durante la conferenza stampa Rudisha ha rivelato i suoi piani e ha accennato alla possibilità di dare la disponibilità per correre la staffetta 4×400 alle Olimpiadi di Londra con la maglia del Kenya.  Se dovesse materializzarsi questo piano, potrebbe andare in scena una sfida inedia ma affascinante tra Rudisha e Usain Bolt che mesi fa annunciò la sua intenzione di correre la 4×400 a Londra.

DEBUTTO A DOHA
Il campione e primatista del mondo degli 800 metri tornerà in gara nella città del Qatar sugli 800 metri dopo un primo assaggio agonistico a inizio Marzo in terra australiana dove ha corso il doppio giro di pista in 1’44”33 nella prima tappa del World Challenge IAAF di Melbourne.
La Diamond League sarà un importante banco di prova in vista delle Olimpiadi di Londra dove andrà in cerca del suo primo titolo olimpico un anno dopo il successo ai Mondiali di Daegu.
“Voglio vincere la Diamond League per il terzo anno consecutivo. Correre la Diamond League ha sempre fatto parte della mia preparazione sia nel 2010 nell’anno dei record del mondo sia nel 2011 quando ho vinto i mondiali. L’anno scorso ho perso alcune gare ad inizio stagione a causa dell’infortunio e ho avuto qualche timore ma sono stato fortunato a tornare di nuovo in forma in tempo per vincere i Mondiali.
“Lo scorso anno mi infortunai dopo le gare in Australia. Ora la mia preparazione sta procedendo bene senza intoppi. Debutterò a Doha dove ho sempre gareggiato tutti gli anni dal 2007 tranne nel 2011 quando ero infortunato. Nel 2010 vinsi in 1’43”00 battendo Asbel Kiprop. Fu una vittoria che aprì la magica stagione 2010 coronata dai due record del mondo a Berlino e Rieti. Doha é un ottimo posto per iniziare la stagione. Ho sempre iniziato l’estate a Doha e non voglio cambiare niente nei miei programmi.  
“Ancora non so chi affronterò a Doha. Ho sentito che ci sarà Kaki ma non so se correrà gli 800 o i 1500. Ci saranno keniani agguerriti ma sono pronto ad affrontare qualunque avversario”, ha detto Rudisha.
Rudisha ha perso l’imbattibilità che durava dai Mondiali di Berlino 2009 lo scorso 18 Settembre alla Notturna di Milano all’Arena quando il giovane etiope Mohamed Aman inflisse la sconfitta al campione keniano sotto il diluvio. “La sconfitta di Milano mi ha fatto bene perché mi ha spronato a fare meglio in allenamento. Ovviamente ero deluso della sconfitta ma perdere mi ha reso più forte.
IL SOGNO OLIMPICO
Le Olimpiadi saranno le prime nella carriera del giovane fuoriclasse Masai. “Prima di tutto dovrò qualificarmi. Quattro anni fa stavo bene a inizio stagione ma mi infortunai prima dei Trials. Ho sempre sognato di vincere le Olimpiadi e sentire l’inno keniano sul gradino più alto del podio. Mio padre vinse la medaglia d’argento alle Olimpiadi con la staffetta 4×400 a Città del Messico 1968. Il mio sogno è portare a casa la medaglia olimpica. Se riuscirò a vincere a casa potranno esserci due medaglie olimpiche”
BOLT-RUDISHA NELLA 4×400 ? 
Rudisha ha rivelato anche la sua intenzione di voler correre la staffetta 4×400 a Londra emulando suo padre Daniel. Non è ancora sicuro se Rudisha sarà al via della staffetta del miglio a Londra ma gli appassionati di atletica potrebbero fantasticare una staffetta 4×400 con Rudisha con la maglia del Kenya e Usain Bolt in maglia giamaicana. Il fenomeno della Giamaica aveva annunciato nel corso del Galà di Montecarlo di voler dare la disponibilità per correre la 4×400 ai Giochi londinesi.
Per il momento la presenza dell’uomo più veloce del mondo dei 100 e dei 200 e del mezzofondista più veloce sugli 800 metri nella staffetta 4×400 non è una certezza ma appartiene ancora alla fanta atletica, al mondo dei sogni degli appassionati. Chissà se il sogno diventerà realtà a inizio Agosto.   Certamente la sfida tra l’uomo capace di correre i 100 metri in 9”58 e i 200 in 19”19 e il mezzofondista che sogna di abbattere il muro dei 100 secondi sarebbe un bello spot per l’atletica che cerca grandi sfide.
“Avevo nei miei piani l’idea di correre la staffetta ai Mondiali di Berlino. Londra potrebbe essere l’occasione giusta anche perché la 4×400 è in programma dopo la finale degli 800. La mia priorità è vincere gli 800”, ha detto Rudisha a proposito del possibile impiego nella 4×400 alle Olimpiadi.
PRIMO UOMO CAPACE DI DETENERE CONTEMPORANEAMENTE IL TITOLO OLIMPICO E MONDIALE E IL RECORD MONDIALE ? 
Se dovesse vincere gli 800 metri a Londra, Rudisha diventerà il primo ottocentista della storia a detenere contemporaneamente il titolo mondiale e quello olimpico e il record del mondo sul doppio giro di pista, un’impresa sfuggita persino a Lord Sebastian Coe e a Wilson Kipketer.
Coe realizzò il record del mondo degli 800 nel 1979 ma alle Olimpiadi di Mosca dovette accontentarsi dell’argento a Mosca 1980 negli 800 contro Steve Ovett. Si riscattò pochi giorni dopo vincendo l’oro nei 1500 poi bissato quattro anni dopo a Los Angeles dove non riuscì però l’impresa di vincere sul doppio giro di pista dove fu battuto dal brasiliano Joachic Cruz. Kipketer si presentò a Sydney 2000 da primatista del mondo e triplo campione del mondo ma dovette inchinarsi di fronte al tedesco Nils Schumann.
“Ogni tanto mi capita di vedere i filmati dei record del mondo di Coe e Kipketer. Non sono mai riusciti a vincere il titolo olimpico degli 800 metri e se dovessi riuscire a vincere a Londra, la mia collezione di successi sarebbe completata” 
Diego Sampaolo

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
EKIRUN 2017 PER IL TERZO ANNO IL SOL LEVANTE ILLUMINA MILANO
TUTTE LE GARE FIRMATE TDS DI DOMENICA 19 NOVEMBRE
PISAMARATHON: A 40 GIORNI, SUPERATA QUOTA 2000 ISCRITTI
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli