MARATHON DES SABLES: LA GIORNATA TIPO

CONTROLLI PRIMA DELLA PARTENZA ALLA MARATHON DES SABLES 2012
di Alessandra Ramella Pairin
Oggi alla Marathon des Sables è stata la giornata dei controlli.
Un programma intenso di attività a cui tutti partecipanti si sono dovuti sottoporre per poter cominciare la vera avventura. La Marathon des Sables è una corsa di autosufficienza che inizierà domani mattina, 8 aprile, con la prima colazione.

Il programma di oggi, dopo la prima notte in bivacco e la prima colazione a cura dell’organizzazione, ha previsto una serie di controlli amministrativi, tecnici e medici.
Trucchi e astuzie per una delle avventure più affascinanti del mondo
La MARATHON DES SABLES è una corsa che impone un elevato grado di autogestione da parte del partecipante.
Per una settimana bisogna gestire lo sforzo, l’alimentazione e il fabbisogno idrico. La temperatura può, infatti, avvicinarsi ai 50 ° in pieno sole. L’organismo è sottoposto a uno stress molto grande ecco perché qualche astuzia può essere utile per proseguire. Scopriamo le più interessanti.
Sono necessarie da 3000 – 4000 Kcal al giorno e gli alimenti liofilizzati sono raccomandati per una gara di questo tipo. La colazione sarà molto energetica e ogni concorrente deve prevedere uno spuntino energetico ogni mezz’ora durante la corsa.
Barrette, frutta secca, cioccolato fanno la parte da leone!
Anche l’acqua è fondamentale. 120.000 litri sono consumati durante tutta la gara. L’acqua è distribuita alla partenza, ai punti di controllo e all’arrivo.
Se gli alimenti rappresentano una parte importante nella riuscita dell’avventura, si può dire lo stesso per i materiali. Fornellini a pastiglie d’alcool, sacco a pelo, addirittura obbligatorio e causa di penalità in caso di assenza, lo zaino, che contiene tutto il materiale di sopravvivenza, sono i compagni di ogni giorno.
L’abbigliamento deve da un lato evitare i colpi di calore e di sole e riparare anche dalle fredde notti del deserto. Il cotone bianco è il migliore alleato contro l’accumulo di calore. L’ampiezza dei vestiti poi permette una buona circolazione dell’aria.
Il bivacco al termine della tappa a volte può sembrare un miraggio. Nell’area di bivacco sono organizzate le tende per la notte, che sono suddivise a seconda della nazione di appartenenza.
A ogni concorrente è permesso comunicare per fax, telefono o email con gli sponsor o con i famigliari, grazie ai telefoni satellitari messi a disposizione dall’organizzazione.
Una giornata tipo
Dalle 6.00 alle 7.00
Smontaggio del bivacco da parte dell’organizzazione
Colazione in autosufficienza
Tra le 6.30 e le 7.30
Distribuzione dell’acqua minerale
Tra le 8.30 e le 9.00
Partenza della tappa
In ciascun posto di controllo
Distribuzione dell’acqua
Punzonatura della carta di controllo
Verifica delle condizioni di salute da parte dello staff medico
Alla sera o all’arrivo della tappa
Distribuzione di 4,5 litri di acqua minerale
Dalle 15.00 alle 20.00: tempo dedicato alle comunicazioni mezzo fax, telefono e email
Alle 19.00 preparazione dello stand informativo e pubblicazione delle classifiche provvisorie
Cena in autosufficienza


Mappa del bivacco

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Trento Half Marathon, presentata la maglietta!
Manca poco per la 12^ Ivars Tre Campanili Half Marathon
Con Massimo De Donno si diventa runner in 21 giorni
Abbigliamento Accessori Calzature
Con le Glycerin 16 Brooks presenta la nuova tecnologia DNA LOFT, per un esperienza di corsa più morbida.
Scopri come nasce una maglietta Wild Tee
Dryarn per la linea ufficiale di Marco Olmo
#pastaparty
#Pastaparty con Julia Jones che ci parla di Venicemarathon
Video Mattoni České Budějovice Half Marathon
#Pastaparty di Runtoday.it oggi è con #JuliaJones