MARATHON DES SABLES: LA GIORNATA TIPO

CONTROLLI PRIMA DELLA PARTENZA ALLA MARATHON DES SABLES 2012
di Alessandra Ramella Pairin
Oggi alla Marathon des Sables è stata la giornata dei controlli.
Un programma intenso di attività a cui tutti partecipanti si sono dovuti sottoporre per poter cominciare la vera avventura. La Marathon des Sables è una corsa di autosufficienza che inizierà domani mattina, 8 aprile, con la prima colazione.

Il programma di oggi, dopo la prima notte in bivacco e la prima colazione a cura dell’organizzazione, ha previsto una serie di controlli amministrativi, tecnici e medici.
Trucchi e astuzie per una delle avventure più affascinanti del mondo
La MARATHON DES SABLES è una corsa che impone un elevato grado di autogestione da parte del partecipante.
Per una settimana bisogna gestire lo sforzo, l’alimentazione e il fabbisogno idrico. La temperatura può, infatti, avvicinarsi ai 50 ° in pieno sole. L’organismo è sottoposto a uno stress molto grande ecco perché qualche astuzia può essere utile per proseguire. Scopriamo le più interessanti.
Sono necessarie da 3000 – 4000 Kcal al giorno e gli alimenti liofilizzati sono raccomandati per una gara di questo tipo. La colazione sarà molto energetica e ogni concorrente deve prevedere uno spuntino energetico ogni mezz’ora durante la corsa.
Barrette, frutta secca, cioccolato fanno la parte da leone!
Anche l’acqua è fondamentale. 120.000 litri sono consumati durante tutta la gara. L’acqua è distribuita alla partenza, ai punti di controllo e all’arrivo.
Se gli alimenti rappresentano una parte importante nella riuscita dell’avventura, si può dire lo stesso per i materiali. Fornellini a pastiglie d’alcool, sacco a pelo, addirittura obbligatorio e causa di penalità in caso di assenza, lo zaino, che contiene tutto il materiale di sopravvivenza, sono i compagni di ogni giorno.
L’abbigliamento deve da un lato evitare i colpi di calore e di sole e riparare anche dalle fredde notti del deserto. Il cotone bianco è il migliore alleato contro l’accumulo di calore. L’ampiezza dei vestiti poi permette una buona circolazione dell’aria.
Il bivacco al termine della tappa a volte può sembrare un miraggio. Nell’area di bivacco sono organizzate le tende per la notte, che sono suddivise a seconda della nazione di appartenenza.
A ogni concorrente è permesso comunicare per fax, telefono o email con gli sponsor o con i famigliari, grazie ai telefoni satellitari messi a disposizione dall’organizzazione.
Una giornata tipo
Dalle 6.00 alle 7.00
Smontaggio del bivacco da parte dell’organizzazione
Colazione in autosufficienza
Tra le 6.30 e le 7.30
Distribuzione dell’acqua minerale
Tra le 8.30 e le 9.00
Partenza della tappa
In ciascun posto di controllo
Distribuzione dell’acqua
Punzonatura della carta di controllo
Verifica delle condizioni di salute da parte dello staff medico
Alla sera o all’arrivo della tappa
Distribuzione di 4,5 litri di acqua minerale
Dalle 15.00 alle 20.00: tempo dedicato alle comunicazioni mezzo fax, telefono e email
Alle 19.00 preparazione dello stand informativo e pubblicazione delle classifiche provvisorie
Cena in autosufficienza


Mappa del bivacco

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Federica Dal Rì conquista il tricolore e l’Agsm Veronamarathon
EKIRUN 2017 PER IL TERZO ANNO IL SOL LEVANTE ILLUMINA MILANO
TUTTE LE GARE FIRMATE TDS DI DOMENICA 19 NOVEMBRE
Abbigliamento Accessori Calzature
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre
BV SPORT sbarca nelle OCR, le gare di corsa a ostacoli