GIORGIO RUBINO…IN CINA IL RITORNO!

Buona gara per Giorgio Rubino che, nella notte italiana, a Taicang (Cina) ha chiuso al quarto posto la quinta tappa del Challenge IAAF di marcia. 1h20:10 il crono dell’esordio stagionale del finanziere romano, frutto di un’andatura regolare (40:12 i primi 10km e 39:58 nella seconda metà) e stabilito in una giornata piovosa con temperatura intorno agli 8 gradi. E’ il suo miglior risultato dal 2009, anno del quarto posto ai Mondiali di Berlino, seguito dal quinto agli Europei 2010. 

Podio completamente monopolizzato dai cinesi con Wang Zheng, quarto ai Mondiali 2011 di Daegu, protagonista di un notevolissimo 1h17:36 (record asiatico, prec. 1h17:41 di Zhu Hongjun nel 2005) che lo ha portato a sfiorare l’1h17:30 della migliore prestazione mondiale stagionale (e record italiano) realizzata dall’olimpionico azzurro Alex Schwazer tre settimane fa a Lugano. Importanti progressi pure per il secondo classificato, il 19enne Chen Ding – altro allievo di Sandro Damilano che si allena a Saluzzo insieme a Wang e Rubino – oggi capace di 1h17:40, 1 minuto e 12 secondi meglio del precedente PB. Terzo posto per Cai Zelin, vincitore a febbraio dei Trials olimpici e in questa occasione sceso ad 1h18:47. Soddisfazione nella parole di Rubino: “Sono tornato! Dopo un paio di stagioni condizionate dai problemi fisici, mi sento finalmente rinato grazie anche al continuo sostegno della Federazione e delle Fiamme Gialle. Per fortuna da novembre non salto più allenamento e quella arrivata oggi è stata il tipo prestazione che mi aspettavo di poter fare. E’ vero, i miei avversari sono andati molto forte, ma io stamattina era concentrato solo su me stesso. La squalifica di Daegu è acqua passata e a distanza di tempo posso dire che quel giorno non ero io e quello non era il mio modo di marciare. Oggi non ho preso nemmeno un’ammonizione. Ho ascoltato attentamente le sensazioni che mi salivano dalle gambe, al 18° km ho agganciato e superato Tallent (l’australiano che a Pechino era stato argento nei 50km e bronzo nei 20km oggi è finito quinto in 1h20:34, ndr), chiudendo in spinta. Da qui alla Coppa del Mondo c’è ancora da lavorare e si può limare ancora sul crono”.      
Scenario analogo nella prova femminile dove anche la vicecampionessa iridata Liu Hong riscrive nettamente,  il primato continentale della 20km, portandolo, dopo 11 anni (prec. 1h26:22 di Wang Yan), a 1h25:46, ai 19 secondi dalla migliore prestazione mondiale 2012 della russa Alembekova (1h25:27). Anche la Hong fa parte del gruppo di marciatori cinesi allenati da Damilano. Alle sue spalle veloci anche le connazionali, Lu Xiuzhi, 18 anni e 1h27:01, e Qieyang Shenjie, terza in 1h27:04.
(fonte Fidal)

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Lahcen Mokraji, sospeso in via cautelare
Notte Blu e Pisa Marathon: le modifiche al traffico
Aperta la 19^ PisaMarathon
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre