PRESENTAZIONE DEI MONDIALI INDOOR: TUTTO IL MONDIALE IN SALSA TURCA

di Diego Sampaolo

Gare femminili: 
Sanya Richards
60 metri: Veronica Campbell Brown andrà alla ricerca del bis del titolo vinto a Doha nel 2010. La prurimedagliata giamaicana, doppia campionessa olimpica dei 200 metri, dovrà vedersela con la statunitense Tianna Madison, ex campionessa del salto in lungo a soli 19 anni a Helsinki riemersa prepotentemente sulla ribalta mondiale nella velocità. Nell’unico confronto stagionale al meeting di Fayetteville la Madison ha battuto la Campbell al meeting di Fayetteville in 7″02. La statunitense ha poi vinto al British Grand Prix di Birmingham in 7″07 e il titolo statunitense a Albuquerque in 7″02. Ivet Lalova, bulgara di stanza a Rieti, a vinto a Karlsruhe ed é arrivata seconda a Birmingham e potrebbe lottare per le medaglie. Paesi nuovi potrebbero affacciarsi nella lotta per il podio con Laverne Jones Ferrette delle Isole Vergini (7″05) e Murielle Ahoure (7″08). 

400 metri: Grande favorita sarà la ritrovata Sanya Richards Ross, rinata quest’anno con due tempi sotto i 51 secondi (50″89 a New York e 50″71 a Albuquerque). Se dovesse vincere sarebbe il suo secondo titolo mondiale della sua carriera dopo quello vinto all’aperto a Berlino. Correranno per il podio la giamaicana Patricia Hall (51″66 in questa stagione), la bulgara Vania Stambolova (51″26) e la medaglia di bronzo europea di Barcellona 2010 Aleksandra Fedoriva (51″18). 

800 metri: La redidiva Pamela Jelimo (1’59″10) tenterà di salire nuovamente sul podio dopo anni difficili seguiti alla magica stagione 2008 nella quale vinse Olimpiadi e Golden League. Il duello per l’oro dovrebbe riguardare la marocchina Malika Akkaoui, che guida le liste mondiali del 2012 con 1’59″01 ottenuto a Lievin. La Russia sarà come sempre pericolosa con la coppia formata dall’ex campionessa europea under 23 Elena Kofanova (1’59″63 in questa stagione) e Yelena Rusanova (1’59″63 nel 2012 ai Campionati russi). 

1500 metri: Fari puntati sulla giovane etiope Genzebe Dibaba, sorellina della campionessa olimpica dei 5000 e dei 10000 metri Tirunesh Dibaba. Genzebe ha dominato la stagione vincendo a Karlsruhe in 4’00″13 e a Birmingham in 4’01″33 rifilando distacchi abissali alle avversarie. Le altre favorite per la gloria potrebbero essere le marocchine Mariam Selsouli (4’03″67) e Btissam Lakhouad (4’07″80 e vincitrice al meeting di Stoccolma). 

3000 metri: Meseret Defar inseguirà il quinto titolo mondiale indoor sui 3000 metri. se dovesse riuscire l’impresa eguaglierà il record di successi in questa manifestazione detenuto dal saltatore in lungo Ivan Pedroso. La Defar, che guida le liste mondiali stagionali con 8’31″56 di Birmingham, avrà come principali rivali Gelete Burka (8’36″59 a Birmingham) e le kenyane Hellen Obiri (8’35″35 a Birmingham) e Sylvia Kibet (argento mondiale sui 5000 a Berlino e Daegu). 

60 ostacoli: Una favorita su tutte é Sally Pearson. L’australiana, iridata a daegu con un fenomenale 12″28 sui 100 ostacoli, ha gareggiato più volte nella stagione australiana sui 100 ostacoli e sui 100 e sui 200 metri, ha corso in 12″49, quarto tempo della sua carriera, nella prima tappa del World Challenge IAAF di Melbourne. Sarà soltanto la seconda gara della carriera a livello indoor per l’australiana che nell’unico precedente al copero ha corso in 7″97 ai Millrose Games di New York del 2009. La rivale più accreditata dovrebbe essere la statunitense Kristi Castlin, vincitrice ai Campionati statunitensi di Albuquerque con il miglior tempo dell’anno di 7″84. Occhio anche all’argento europeo indoor Tiffany Porter della Gran Bretagna che in questa stagione ha corso in 7″93. 

Staffetta 4×400: Stati Uniti grandi favoriti per distacco sull’Ucraina, la Bielorussia e la Gran Bretagna. Le statunitensi schierano Sanya Richards Ross e la campioness amondiale juniores di Grosseto 2004 Natasha Hastings. 

Anna Chicherova festeggia l’oro ai mondiali 2011
Salto in alto: Favorita d’obbligo Anna Chicherova che in questa stagione ha saltato ripetutamente oltre i 2 metri con una punta raggiunta a Arnstadt dove ha valicato l’asticella a 2.06. Sarà una sfida tra mamme volanti con la statunitense Chaunte Howard Lowe. tornata a volare oltre i 2 metri con 2.02 ai Campionati Usa di Albuquerque a meno di un anno dalla seconda maternità, e la campionessa olimpica belga Tia Hellebaut, autrice di un bel 1.97 nel 2012. Non sarà facile per l’azzurra Antonietta Di Martino salire sul podio anche se l’impresa resta più che possibile. 
Salto con l’asta: Yelena Isinbayeva é tornata davvero la zarina e dopo il record del mondo (5.01) ottenuto al XL Galan di Stoccolma, Yelena cercherà la quarta corona ai Mondiali Indoor dopo Budapest 2004, Mosca 2006 e Valencia 2008. Il salto con l’asta metterà di fronte le prime tre delle liste di sempre. Oltre alla russa ci saranno anche la statunitense Jenn Suhr (4.88) e la talentuosa britannica Holly Bleasdale (4.87). Entrambe le misure sono state realizzate nel 2012 e questo accrescerà l’interesse di una gara che si preannuncia come una delle più effervescenti di questa stagione. Occhio anche alla primatista tedesca Silke Spiegelburg che in questa stagione ha saltato 4.77.  

Salto in lungo: La statunitense Brittney Reese andrà alla caccia del secondo titolo mondiale indoor e del quarto se si considerano anche quelli all’aperto vinti a Berlino 2009 e Daegu 2011. Ai campionati Usa é stata però battuta di tre centimetri dalla statunitense Janay De Loach (6.89). Per il podio lotteranno anche Yelena Sokolova e la giovane pin-up russa Dariya Klishina, rispettivamente prima e seconda ai Campionati russi con 6.88 e 6.86. 

Salto triplo: L’oro se lo giocheranno la campionessa in carica Olga Rypakova del Kazakhistan che in questa stagione ha saltato 14.84 e la cubana Yargelis Savigne (campionessa mondiale indoor 2008 a Valencia), autrice di un 14.55 a Metz. Altre protagoniste attese dovrebbero essere l’altra cubana Mabel Gay
Lancio del peso. La sfida tra la neozelandese Valerie Adams, campionessa olimpica e mondiale a Daegu, e la bielorussa Nadzeya Ostapchuk, campionessa europea, sarà tra le più attese dell’appuntamento mondiale di Istanbul. La Ostapchuk detiene la migliore prestazione indoor dell’anno con 20.70, mentre la Adams ha già lanciato all’aperto Down Under ottenendo 20.67. 

Pentathlon: Grande rivincita del Mondiale della scorsa estate tra la fuoriclasse britannica Jessica Ennis, campionessa europea e iridata a Berlino 2009 oltre che indoor in carica di Doha 2010, e la campionessa mondiale di Daegu Tatyana Chernova. La russa sconfisse la britannica a Daegu con l’eccellente prestazione di 6880 punti e la ragazza di Sheffield sarù assetata di riscatto. Potrebbe cadere dopo tanti anni il primato del mondo di Irina Belova che 20 anni fa realizzò 4991 punti. Anche il muro dei 5000 punti potrebbe essere in pericolo a giudicare dalla forma della Ennis e della Chernova. La Ennis ha vinto i 60 ostacoli al meeting di Birmingham in 7″87 battendo la medaglia d’argento mondiale dei 100 ostacoli Danielle Carruthers e ha realizzato il primato personale indoor del salto in lungo con 6.47 m. 
Per il podio lotteranno anche la rivelazione russa Ekaterina Bolshova (4896 punti migliorando il suo personale nel 2012 di oltre 500 punti) e la campionessa olimpica di Pechino Nataliya Dobrynska dell’Ucraina. 

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
Con TDS corri anche a Natale
19^ PisaMarathon: l’esordiente e l’ultramaratoneta entrano nell’albo d’oro
11° Allenamento di Natale: 1200 al via
Abbigliamento Accessori Calzature
Le calze a righe di Sara Dossena a NY? Ecco dove le puoi comprare
SCOPRI FOCUS E PHOTOCROMATIC, LE LENTI RETINA SHIELD DI SZIOLS
Con le 361° Stratomic…vado un grado oltre