MARATONA DI ROMA E RETEDELDONO
Kieron Kassner è una mia collega presso la sede americana dell’azienda per cui lavoro. Nel 2009 ha corso la Maratona di Boston, il suo obiettivo più importante, oltre a chiudere la gara, era quello di donare quanti più soldi possibili per la Mutual Funds Against Cancer. Il risultato finale è stato di 12,475 dollari raccolti.
Il sistema di Fund raising, nei paesi anglosassoni, è da decenni una realtà consolidata. In Italia in quanto a sostegno e beneficenza non siamo secondi a nessuno. Nei momenti di difficoltà sappiamo far sentire la nostra presenza. A volte, ciò che manca, è un sistema d’informazione e stimolo a chi vorrebbe dare, ma non sa come o purtroppo teme di non poter seguire la linea di aiuti.
Negli ultimi anni la Maratona di Roma ha sostenuto la raccolta fondi per associazioni non lucrative. La stracittadina ne è il veicolo più importante, ma non solo. Tanti runners con le loro squadre, corrono i 42 chilometri con la voglia di dimostrare che si può donare a favore di progetti di utilità sociale ideati e gestiti da organizzazioni non profit. I mezzi usati fino ad oggi erano basati sul passaparola, materiale divulgativo, piccoli siti web. La raccolta del denaro è tra amici, la fiducia reciproca, lo strumento fondamentale per proseguire l’opera di raccolta fondi.
Oggi tutto questo avrà una marcia in più, un volano che farà correre la raccolta fondi a una velocità che mai nessuno a Roma ha visto.
Per la prima volta Maratona di Roma ha siglato un accordo con Retedeldono.it un portale per la raccolta di donazioni a favore di progetti di utilità sociale ideati e gestiti da organizzazioni non profit (ONP). I protagonisti della Retedeldono sono le ONP, i loro sostenitori e i donatori.
Per capire meglio come lavora il portale italiano del Network Fundraising, ecco l’esempio concreto che vede impegnata l’amica Elisa Tempestini, atleta della Podistica Solidarietà, Presidente dell’associazione SPIRAGLI DI LUCE. Il suo lavoro si rivolge ai diversamente abili e alle persone con disagi sociali; l’Associazione ha come finalità lo sviluppo e la diffusione d’attività sportive e socioculturali. Elisa chiede di poter raggiungere la cifra di 3000 euro. “Vi chiedo di correre insieme a noi per dare vita a questo progetto e aiutarci a raggiungere il nostro ambizioso obiettivo: comprare un pulmino per accompagnarli nelle loro splendide sfide sportive.”
Tutti i fondi raccolti da Retedeldono saranno rapidamente destinati all’organizzazione non profit (ONP) da te prescelta, puntualmente alla fine di ogni mese. I tuoi donatori riceveranno automaticamente una ricevuta utile ai fini della detrazione fiscale.  Ogni campagna di raccolta fondi sarà mantenuta attiva su Retedeldono per sei mesi, per consentirti di pianificare e promuovere al meglio la tua iniziativa.
Per i tanti progetti presenti su retedeldono.it sarà una bella sfida raggiungere i risultati americani, ma sappiamo bene che le competizioni a noi maratoneti portano dove mai avremmo sperato di arrivare.

Lascia un commento

Attualità Cross Eventi Interviste&Personaggi Trail Ultramaratona
CORRIPAVIA ‘Special Edition’: Quante novità per domenica
CONTINUA IL VIAGGIO DI ANNA VERSO LA HUAWEI VENICEMARATHON 2017: RAGGIUNTI I 30K
SORRENTO-POSITANO COAST TO COAST 2017: SCOPRI LE PROMOZIONI PER LE SOCIETÀ
Abbigliamento Accessori Calzature
NUOVE ADIDAS ULTRABOOST ALL TERRAIN: TRASFORMA L’AUTUNNO NEL TUO ELEMENTO
ASICS LANCIA IL ‘SODDISFATTI O RIMBORSATI’
NUOVA COLLEZIONE MIZUNO PER IL TRAIL